Guarda un filo d’erba

di Anna Rosaria Meglio

La nostra Italia un tempo era molto rilassata: per i turisti che venivano a farci visita veramente erano vacanze andare a visitare i nostri musei, Firenze con le sue opere d’arte, il Golfo di Napoli con le sue verdi e azzurre isole, il Maschio Angioino, i Palazzi reali e quant’altro, Roma città eterna con il Colosseo, le chiese, le cattedrali e i borghi. Tutto bellissimo.  Ma da un po’ di tempo c’è lo stress, si corre, corre non ci sono più quei tempi lenti, c’è l’ansia di arrivare in tempo. Si perde il treno, le navi partono, il traffico che impazza nelle nostre città, le macchine sempre più rumorose e grandi, per le strade c’è tanto frastuono e lo smog si mangia l’aria, facendoci stare male senza rimedio. Ci stiamo rovinando la vita.  Perché un tempo era molto bella e ordinata nella nostra “piccola” Italia? Ricordo la bonaria vita dei nostri nonni sempre con tanto tempo a disposizione per raccontarci favole fantastiche di luoghi lontani, facendoci sognare velieri che attraversavano oceani azzurri con tanta curiosità in noi giovanetti di allora….. Ci sedevamo sotto il portico di casa per prendere una boccata d’aria fresca nelle sere calde d’estate, di fronte enormi distese di prati con i grilli che ci tenevano compagnia e noi che correvamo di qua e di là per vedere il loro nascondino. Ora a distanza di anni mi trovo qui sui prati, io mia moglie con figli, insofferenti e scocciati, pieni di rabbia e mi metto a parlare con loro e ricordo un le sagge parole dei miei nonni e vedo che funzionano sempre: Guardate quei fili d’erba teneri e freschi, ti danno calma e ti fanno passare la rabbia. Piano piano troverete la calma distendendovi sopra.  Un prato verde pieno di fili d’erba facendovi riflettere come è bella la vita!!!!!

Potrebbe interessarti

quercia colpita

Infestazione del Cerambice della quercia a Procida

Dopo il punteruolo rosso che ha fatto strage di palme, un altro insetto minaccia la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *