Home > racconti

racconti

Regalate aquiloni

Di Annarosaria Meglio Una primavera di alcuni anni fa, nella mia casetta posta vicina al mare, dove c’è un enorme distesa di spiaggia con il mare primaverile sempre azzurro, calmo, mentre sbrigavo le faccende di casa, guardavo l’immenso giardino pieno di fiori di ogni specie e alberi da frutta con boccioli di ciliegio e albicocche e mi incantavo a scrutare …

Leggi tutto

L’Oro di Arturo

Di Alessandra Erme <<Buongiorno, vorrei uno zoccoletto per favore>> <<60 centesimi>> <<Grazie arrivederci, oggi riparto…>> <<Li volete i limoni?>> esordisce Pierina l’empatica nonnina <<Eh non saprei… sono pesanti>> <<Ma mica ve li voglio vendere, tenete eccoli raccolti stamattina>> Saluto quasi commossa per la spontaneità del gesto salgo per l’ultimo sospiro al belvedere preso in prestito da Arturo e qualche passante …

Leggi tutto

Un sagrestano diversamente abile

di rotellapiera@tim.it   SILENZIOSO, CONCITATO, I COMPITI DI PARROCCHIA T’APPRESTI A COMPIERE… ANCHE SE UN TURBAMENTO  TI  COGLIE AD  OGNI  MUTAMENTO…UNA SPERANZA CIECA… CHE ANCORA ALBERGA, NEL TUO MALATO ANIMO…MENTRE SERVI ALL’ALTARE O, LENTAMENTE..SPEGNI  I NUMEROSI CERI…CARACOLLANDO O, T’APPRESTI ALL’USCIO…TRA I VOCALIZZI CORALI  CHE T’ACCOMPAGNANO CON NOTE D’ORGANO  FRAMMISTE A ESCLAMAZIONI GIOIOSE CHE,  DALL’ESTERNO TI SORPRENDONO…STUPITO…FRA I LUDI…DEI TUOI  INCOSCIENTI E BEATI COMPAGNI …..

Leggi tutto

Il deserto nel cuore

dal libro di Annarosaria Meglio “Vivi con Gioia” Una vita a vagabondare di città, ci facevamo chiamare”figli dei fiori”, ma di fiori avevamo solo le camicie dipinte, e così passavamo il tempo gironzolando per il mondo senza meta con chitarre tamburi e cantando la LIBERTA’. Erano gli anni sessanta e noi contestavamo tutto, facendo manifestazioni per le strade con chitarre …

Leggi tutto

Il Sindaco Mario Spinetti in lambretta

Di Annarosaria Meglio PROCIDA – Non ho conosciuto il Sindaco Mario Spinetti e mai qualcuno me ne aveva parlato. Le prime notizie le ho appreso leggendo gli articoli di “Espressioni procidane” ed ho capito subito che è stato un buon Sindaco. Ho allora deciso di fare una piccola indagine tra le persone che potevano averlo conosciuto direttamente in quegli anni …

Leggi tutto

Billo

di rotellapiera@tim.it All’inizio della nostra relazione fummo invitati nella casa del custode d’una nota scuola di Napoli;  faceva caldo, e il vino rosso e freddo prodotto dal capofamiglia, dopo la strada percorsa al sole ci confortò alquanto. I suoi cani abbaiavano inquieti, eravamo per loro  degli estranei…il più bellicoso maltrattava il meno aggressivo che ne pagava conseguenza .…quest’ultimo aveva riscosso la nostra …

Leggi tutto

Le “Zeddose”

Di Giacomo Retaggio PROCIDA – Se chiediamo  ad una ragazzina procidana sui dodici. tredici anni (ma anche alla sua mamma) chi o che cosa si intenda con questo nome, state pur certi che sul loro volto apparirà un’espressione di stupore, se non di disgusto all’idea che possa trattarsi di cuoi capelluti ricoperti di “zelle”, vale a dire di zone senza …

Leggi tutto

Il Nido dei Gabbiani

di Annarosaria Meglio Era nel dicembre del 1960,di solito in quel periodo mi recavo in montagna, per staccare un po’ il tran tram quotidiano. Passare un po’ di vacanze in montagna mi faceva bene, respirando a pieni polmoni, senza fumi velenosi della città. quando ci tornavo ero come nuovo. Un giorno molto freddo recandomi in una cioccolateria in montagna, vidi …

Leggi tutto

Tempo

di Annarosaria Meglio Oh tempo che scorri veloce come granelli di sabbia tra le mie dita, corri corri inafferrabile.  Sembra appena ieri che aspettavo che arrivasse la festa di S. Giuseppe con quelle campane che suonavano allegre e mi dicevano “Sveglia tra poco è primavera”  e sognavo  il  mare  della mia isola limpido e azzurro. Tempo, corri, corri, fermati  un …

Leggi tutto

Lode a San Giuseppe

Di Annarosaria Meglio A Nazareth lavoravi nella piccola bottega di falegname, tra chiodi da inchiodare e una porta da piallare, contento e  allegro ti girava intorno  il piccolo Gesù, tra una parolina e un sorrisino ti guardava lavorare. O San Giuseppe, il lavoro era la tua preghiera giornaliera. Uomo Buono, fedele  all’obbedienza che desti all’angelo quando l’annuncio ti portò. La …

Leggi tutto

Donna

Di Annarosaria Meglio Sei il fiore più bello del creato, delicato profumato. Con occhi chiari e capelli al vento. Dal viso dolce e le labbra rosse. Sei tu solo Donna che hai popolato la terra, riempiendo i cuori con le braccia aperte per abbracciare il Mondo. Sei tu solo tu donna che cammini per le strade donando Amore, anche sotto …

Leggi tutto

Dalla Democrazia alla Batracomiomachia (battaglia tra rane e topi)

Di Michele Romano PROCIDA – Nella realtà odierna la condizione umana, nella sua globalità, è talmente incatenata dentro la discordia civile, le lotte intestine, gli egoismi personali che mette in discussione il concetto e l’essenza del termine “popolo”, inteso come collettività, etnicamente omogenea ed aperta, tesa alla realizzazione del “Bene Comune”, attraverso un percorso di unità ed autonomia creativa. Ecco …

Leggi tutto

LA BARCA

di Annarosaria Meglio Lentamente  la barca si avvia solcando il mare. …Remando remando  si allontana dalla baia della Corricella verso la Chiaia: spiaggia di rocce profonde e nidi di  gabbiani….Remando remando col viso bruciato dal sole il pescatore scruta in alto la roccia e  ferma lo sguardo  sui fiori gialli delle ginestre…Remando remando occhi profondi come il mare  cuore nella …

Leggi tutto

La Casa

di Annarosaria Meglio Mio padre mi donò una piccola casa, la costruì col sudore del lavoro sul mare. Con due finestrelle tonde come oblò guarda di notte la scia argentata della luna. Le stelle vi si specchiano e la inondano di splendore. Nulla a confronto é la luce del faro. Papà! Mi hai donato una casetta bellissima, che mai scomparirà …

Leggi tutto