Home > società > Il non piacersi dei giovani

Il non piacersi dei giovani

Di Michele Romano

PROCIDA – Una ricerca sociologica ha portato alla ribalta un dato inquietante: un numero sempre più rilevante di adolescenti, di entrambi i sessi, ricorrono alla chirurgia plastica, perché non si piacciono, coadiuvati dalla supina accondiscendenza dei genitori. Quale significato possiamo ricavare da tale emergente profilo esistenziale? Certamente entrare negli “abissi” della nostra coscienza è talmente complicato che stiamo cercando il “filo d’Arianna” per rispondere all’antica domanda: conosci te stesso per stare bene insieme agli altri. Pertanto stabilire il perché di tali comportamenti proviene dai sentimenti che prevalgono nel momento storico in cui si vive. Ebbene nella società contemporanea, quelli che guidano il nostro vissuto quotidiano, per una devastante crisi socio-economica, sono la paura, il disprezzo, il rancore e, principalmente, l’odio. Ciò ci sta conducendo ad una conflittualità permanente nelle relazioni interpersonali tanto da precipitare verso la deriva di detestare la raffigurazione psico-fisica che si possiede di se stesso. Pensiamo che la triste scelta adolescenziale si inquadra nella perdita di senso del concetto di “bellezza” che si manifesta nel rapporto armonico tra la forma esterna e la sostanza interiore (vogliamo essere chiari anche una ruga ed altro fa parte di armonia). D’altra parte viviamo un momento drammatico in cui stanno ripresentandosi, per i corsi e ricorsi della storia, le virulenze razziali che hanno straziato il secolo scorso e la fragilissima democrazia sta soccombendo davanti al gretto e feroce egoismo dell’autocrazia dei tanti “Barabba” sorretti da una enorme folla in cui l’elemento belluino, grazie al supporto luciferico di mass-media, carta stampata, conduttori televisivi, cattedratici intellettuali, ecclesiasti stressati dalla grave patologia di ipertrofia dell’io, ha completamente disintegrato i valori della solidarietà, della misericordia, della “pietas” (per il censimento dei Rom e le gabbie americane piene di bambini, ci fanno ripiombare nell’atroce incubo dei “forni crematori”).

Postilla finale: tra le urla razziali che ci assalgono la domenica mattina, sotto casa, prima della celebrazione dell’agape eucaristica, dentro una realtà plumbea che coinvolge anche la nostra cara “polis micaelica”, vogliamo segnalare la creatività e proficua iniziativa di un “Cantiere permanente di innovazione” con il titolo appropriato di “Energie Sinergiche” da parte della generosa ed eclettica responsabile delle politiche giovanili del Comune, con l’obiettivo di estrarre dall’isolamento geografico e culturale i giovani isolani. Ecco una piccola notizia che ci sostiene nel rimanere ferventi credenti della speranza.

Potrebbe interessarti

Si giunga ad una gestione ordinaria e democratica del Pio Monte dei Marinai

PROCIDA – Il passato, presente e futuro del Pio Monte dei Marinai continua a far …

2 commenti

  1. Per l’egregio dott. Romano nei momenti di vulnerabilità ogni adolescente potrebbe rammentare
    semplici ma basilari premesse al proprio esistere civile, mediante considerazioni che l’adulto
    dovrebbe sempre trasmettere nell’esercizio delle proprie mansioni :

    VOGLIO di rotellapiera@tim.it

    VOGLIO…LA MIA PRIVACY, IL MIO EQUILIBRIO, COLTIVARE LA MIA CREATIVITA’,
    POTENZIANDO LE MIE CAPACITA,’ ALIMENTARE LA MIA AUTOSTIMA, PER LE MIE ASPIRAZIONI,
    DIFENDERE LA MIA DIGNITOSA ESISTENZA, ACCOMPAGNANDO LE PULSIONI DE MIO ESSERE..
    PER SOSTENERE IL CREDO …IN CUI CREDO . IMMAGINARE, AFFERRARE E POSSEDERE
    IL SENSO DELLA VITA …ALIMENTANDO A DISMISURA L’ ATTACCAMENTO ALL’ESISTERE…
    SALVAGUARDANDO IL TUTTO COME MIO UNICO CAPITALE !

  2. Sara’ per caso emulazione?????in giro non si vedono piu’ signore…… anche di una certa età senza ritocchini e cosette varie…….ormai per le labbre c’e’ stata una mutazione genetica……da muso di essere umano a becco di papera……non scomodiamo nessuno….. i giovani copiano dagli adulti…..e la legge della natura……meditate gente e siate d’esempio per i piu’ giovani …..saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *