Home > racconti > LA BARCA

LA BARCA

di Annarosaria Meglio

Lentamente  la barca si avvia solcando il mare. …Remando remando  si allontana dalla baia della Corricella verso la Chiaia: spiaggia di rocce profonde e nidi di  gabbiani….Remando remando col viso bruciato dal sole il pescatore scruta in alto la roccia e  ferma lo sguardo  sui fiori gialli delle ginestre…Remando remando occhi profondi come il mare  cuore nella bellezza il pescatore ritorna alla sua  baia.

Potrebbe interessarti

Procida: Problematiche ed opportunità delle imprese di pesca. Se ne discute il prossimo 31 agosto

PROCIDA – Federpesca (Federazione Nazionale delle Imprese di Pesca) ha organizzato sull’isola di Procida per …

Un commento

  1. Alla nostra poetessa Anna Rosaria e, a tutti gli amanti del mare dedico questa mia :
    TOFA DI MARE…di rotellapiera@tim.it

    DA UNA STRETTOIA ACCANTO ALLA PIAZZOLA RISUONA ..A VOLTE, A TRATTI..
    L’ECO D’UNA TOFA DI MARE…DI TONO CUPO…PROLUNGATO..
    INCANALATO TRA I VICOLI CHE, INTIMIDISCE…ED E’ PREVALENTE DI NOTTE…

    ESSO TRONEGGIA, COPRENDO OGN’ALTRO ECO, EPPURE…LA MIA MODESTA RESIDENZA
    NON E’ AFFACCIATA AL MARE ! E’ TOFA D’ ANTICHE RISACCHE E ODORI DIMENTICATI..
    SAPORI D’ALTRI TEMPI..D’UN PESCATO A FATICA…E D’ EMIGRANTI OPPURE,
    DI MONELLI FESTANTI…PRONI A DISTINGUERE I DONI..D’UN MARE A VOLTE NEMICO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *