Home > Ischia > Muore ad Ischia il Com.te Rosario Ferrandino

Muore ad Ischia il Com.te Rosario Ferrandino

Comandante Rosario FerrandinoLettera aperta all’amico Rosario co-fondatore ed animatore  dell’Autmare
di Nicola Lamonica

Due giorni fa, saputo della notizia assai triste di un Tuo precipitoso rientro a casa dall’Ospedale di Lacco Ameno mi sono precipitato nella Tua abitazione in Ischia ponte e … l’accoglienza sempre attenta ed affettuosa da parte dei Tuoi c’è stata nonostante il precipitare degli eventi che ti colpivano; ma essa mancava del tuo benvenuto, del solo del Tuo tradizionale entusiastico sorriso.

Ti ho rivisto lì, sulla poltrona, circondato dall’affetto familiare che Ti accudiva alleggerendo, con tutte le cure del caso, il Tuo dolore. Ci siamo parlati poco, ma abbastanza per scambiarci, con lo sguardo più che con le parole, l’affetto e la stima reciproca di sempre, quella che ci univa da una vita fin da quando io, Tuo prof. di Navigazione, potei apprezzare l’intelligenza e le capacità che dimostravi, in uno a Tuo fratello gemello Cesare, spingendoti/vi a dare di più, oltre il già gratificante impegno scolastico che è base essenziale per progredire responsabilmente nel mondo del lavoro e nella vita. Una lezione sicuramente ben riuscita la mia che ad integrazione di quella più preziosa e completa dei Tuoi e V/ genitori ha dato i suoi frutti, tant’è che Vi siete fatti onore conquistando spazi professionali di grande prestigio e dignità per competenza e per ricchezza di umanità e di legalità.

Il mio /nostro passato in comune subito mi è apparso davanti agli occhi  come in un film che partiva da lontano e più che suscitare in Te argomenti che potessero far emergere il distacco da una vita brillante ed intelligente e rattristirti con argomentazioni occasionali e di routine ti ho ricordato il felice incontro che avemmo  al Coco Gelo, cui partecipò anche Maria mia moglie  e ciò, al solo fine d’incoraggiarti alla ripresa ed alla fiducia, per ripetere ancora quei momenti appena possibile, non una volta ma tante volte ancora. Mi parlasti allora di tutto e di più, passando con eleganza forbita dai tuoi impegni da Consulente tecnico rigoroso a quelli più gioiosi della famiglia e le gioie  che stavi assaporando con Linda per le due preziose figliuole che hanno arriso alla Tua /Vostra vita.

La felicità per avermi rivisto  e per avermi al Tuo fianco in un momento difficile l’ho letta  nel Tuo sguardo stanco, ma fiducioso; ma soprattutto in quel bacio che mi  ricambiasti quando avvicinai la mia guancia alla Tua per salutarti. Un bacio che è sintesi di una vita; un bacio di addio e non lo sapevi, che resterà nella mia mente  perché esso esprimeva stima ed affetto, gratitudine e fiducia per la continuazione insieme e in uno al comune  amico Direttore Umberto Maltese di un sogno dalla idealità forte che certamente va oltre le vicende personali, sia pure di triste commiato, nella vita che continua.

Poi Ti lasciai, scesi le scale ed uscii ! Ma quella chiusura di portone alle mie spalle  mi fece sobbalzare e mi avviò subito verso un nuovo inizio, ad una nuova stagione; ad un nuovo percorso  rivitalizzando  l’impegno di Autmare  per quel disegno di civiltà e di legalità che  univa a noi tanti e tanti lavoratori marittimi e cittadini che non hai abbandonato neanche per un istante nonostante quello che Ti stava accadendo.

E così sarà, caro Rosario! Lo promettiamo a Te ed ai  Tuoi più cari familiari: ad  Elisa, ad  Alessandra,  alla Tua adorata Linda, ai  Tuoi fratelli ed a Tua sorella, che rimangono testimonianza viva della induzione affettiva che emanavi; che soni i migliori testimoni di un Tuo bellissimo percorso di vita di valori soprattutto perché rivolto al bene degli altri. Lo promettiamo ai lavoratori del mare che tanto hai e Ti hanno amato; lo promettiamo agli utenti aderenti o non alla Tua/Nostra Autmare affinché viva nel contesto politico delle isole e della Campania quella scintilla di speranza che essa rappresenta.

Caro Rosario, Ti ho incontrato giovanissimo nei banchi del Nautico di Procida  e subito – come d’altra parte è avvenuto anche tutti gli altri che oggi Ti sono intorno e con me  piangono la Tua dipartita – abbiamo condiviso e lottato per un modello di società dove non mancasse la serenità che il lavoro dà e la gioia di vivere una vita familiare in una società a misura d’uomo. Ci siamo confrontati sulle prospettive di una politica poco affidabile e spessissimo sulle scelte professionali; ed anche come sottrarre dalle mani degli armatori quel potere che deriva loro dall’art.  273 del Codice della Navigazione “   L’armatore nomina il Comandante della nave e può in ogni istante rimuoverlo “   che isola ed esclude il  Comandante dal mondo de lavoro  di bordo rendendolo nel contempo schiavo e vittima:  non ce l’abbiamo fatta, nonostante la presenza di governi a noi politicamente più favore!

Abbiamo condiviso valori ed affetti e tra quest’ultimi Ti ringrazio  per quanto hai dato anche alla mia Marianna che conserva di te il ricordo di un amico di sempre che l’ha accompagnata dai prima anni dei primi passi  fin alla soglia dei suoi cinquant’anni. Ti sei prodigato per la Tua famiglia assicurando, in uno alla Tua preziosa Linda,  alle tue figlie un futuro sicuro e da protagoniste; Ti sei dato da fare perché la nostra comune utopia espressa in  Autmare  e le sue battaglie per la continuità territoriale  avessero degli sbocchi concreti; Ti sei affermato sul lungo corso  e poi nel Golfo di Napoli da Ufficiale e Comandante Caremar riscontrando sempre rispetto e stima ben meritate, per capacità professionale e per umanità; Ti sei fatto valere nelle tantissime vertenze che Ti hanno coinvolto come Consulente Tecnico ed il Tuo pensiero rigoroso e le tue relazioni tecniche sono lì a testimoniarle come pietre miliari di un agire  scientifico  che va oltre l’evento stesso.

Oggi non ci sei più materialmente, purtroppo! Ma se c’è un faro, Tu lo sei stato per noi e certamente per la Tua famiglia che richiama i tuoi valori ed i tuoi sogni. L’Autmare abbruna la sua bandiera in senso di affetto e di stima ed io, amico di sempre,  con le lacrime agli occhi esprimo a te  tutta la mia gratitudine  ed ai tuoi familiari la forza di andare avanti nel ricordo  e nella consapevolezza di aver avuto in Te un paladino di gioia e di vigore ed un intransigente professionista militante in una società da trasformare. Un prezioso esempio di cittadinanza attiva che trova pochi riscontri sulla nostra isola.

Potrebbe interessarti

Andar per Cantine ricorda il sisma, premi ai volti dell’isola più bella

ISCHIA – Dal 10 al 20 settembre per scoprire l’isola più autentica, ripartendo dalla bellezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *