Home > politica > Oltre Destra e Sinistra: solo buonsenso

Oltre Destra e Sinistra: solo buonsenso

scandali vignettadi Nicola Silenti

Riscatto, passione e un disperato bisogno di azione. Dirigere,amministrare insomma governare l’Italia è una rincorsa a ostacoli che esige una colossale mole di tenacia, ideali non negoziabili e soprattutto persone di spessore. Donne e uomini che sappiano incarnare la voglia di equità, di efficienza e di giustizia che infuria come una tempesta a ogni angolo del Paese: l’urlo disperato di un popolo divenuto ogni giorno di più insofferente verso una classe politica e dirigente inetta e corrotta, in grado di emergere soltanto per la propria incapacità e per una ineffabile vocazione a delinquere.
Un Paese sfregiato dai troppi e inaccettabili scandali quotidiani, da immoralità diffuse, da interessi meschini e dai più volgari egoismi.
Un’ombra bieca e funesta che offusca l’impegno dei pur tanti amministratori onesti, ridotti all’anonimato da una folta prima linea di persone consacrate al ruolo ambiguo e disinvolto di malati di protagonismo a favore di telecamera: un destino degno dei falsi rappresentanti del popolo, di fronte ai quali urge abbandonare ogni velleità di dialogo o mediazione, sferrando la più implacabile e intransigente delle opposizioni. Un’opposizione culturale e popolare improntata al sacrosanto nome del buonsenso, che mostri senza indugi o compromessi agli italiani che non tutti i politici sono la stessa cosa.
La riscossa del Paese può iniziare soltanto ricordando anzitutto a noi stessi chi siamo e da dove veniamo, perché per rimettere in piedi l’Italia che vogliamo consegnare ai nostri figli dobbiamo fiatare e agire nel nome del nostro patrimonio identitario e dell’esempio dei nostri padri, lasciando così ai falsi demiurghi e agli opportunisti di professione l’ insulso moderatismo a oltranza di chi ha osato oltraggiare la nostra storia e la nostra identità.
E’ tempo di ritornare a essere quello che siamo e che siamo sempre stati: l’esercito di persone perbene che è da sempre la silenziosa spina dorsale di questa Nazione, un esercito fiero e compatto, il solo a potersi assumere l’onere e l’onore del riscatto nazionale. Un esercito di mani oneste e pulite che vogliono risollevare un Paese finito a terra senza più trovare il coraggio e la forza per risollevarsi. Un Paese che reclama uomini e donne credibili, figure esemplari e di buona volontà che vogliono ricominciare a parlare la stessa lingua degli italiani, ripudiando la via agevole degli slogan e del marketing ad effetto per riabbracciare l’arduo ma impagabile confronto con l’amara realtà quotidiana del popolo: un popolo da troppo tempo condannato all’abbandono e a un disarmante senso d’impotenza.
Risollevare l’Italia è il nostro dovere. Un dovere che chiama in causa chi ha prospettive chiare, orizzonti tersi e la forza di idee che vengono da molto lontano.

Potrebbe interessarti

Anche il Circolo di Procida in piazza a Roma per la manifestazione PD

PROCIDA – Questa mattina a Roma presente anche il circolo P.D. di Procida guidata dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *