Home > Trasporti > Ore 12,00 la nave passa ma nel 2018 siamo ancora cittadini di serie B

Ore 12,00 la nave passa ma nel 2018 siamo ancora cittadini di serie B

PROCIDA – A denunciare la cosa il Comitato Utenti Trasporto isola di Procida. “Traghetto ore 12 Procida-Pozzuoli non imbarca neanche 1 macchina da Procida….e le stelle stanno a guardare!
Rosanna Scotto.

Purtroppo il problema si ripete più volte, specie per quella partenza. E’ ora di sbattere i pugni sui tavoli regionali e chiedere il ritorno alla riserva dei posti per Procida. 

Non siamo uno scalo di passaggio solo sulla carta. Abbiamo il diritto di spostarci come gli altri. La società Caremar intervenga con precise disposizioni per gli ufficiali di bordo. Il Comune faccia rispettare gli interessi di Procida. La Regione garantisca la mobilità a tutti gli isolani”.

Potrebbe interessarti

“L’isola che non isola”: prendiamo atto della disponibilità della CAREMAR ma esprimiamo alcune “perplessità”

PROCIDA – Trasporti marittimi sempre al centro della discussione politica e non solo. Dopo che, …

8 commenti

  1. nicola lamonica

    Circa la protesta del Comitato Utenti Trasporto di Procida, che condivido e sostengo, nello scritto c’è una frase fuorviante che rischia di dare la colpa agli ufficiali di bordo e non alla alla società Caremar per la mancanza di posti auto a Procida, allorquando fa appello alla Società Caremar perchè ” intervenga con precise disposizioni per gli ufficiali di bordo”. Non penso che il Comandante e l’ Ufficiale di bordo, d’intesa con la Società, si siano sostituiti a disposizioni superiori regionali a garanzia della mobilità procidana; se così fosse il problema assumerebbe un altro aspetto e determinerebbe un passaggio per la Procura. Invito il Comitato ad indagare in Circomare ( cosa che farò di persona anch’io, appena mi è possibile !) e, in attesa di saperne di più, a rettificare il refuso! Cordialmente

  2. Ho preso caremar alcuni giorni fa e ho collassato perché l aria condizionata accesa alla partenza,viene normalmente spenta durante il tragitto.cosi al ritorno.e come me,tutti hanno notato.io ho ,come tutti,parto il biglietto.

  3. La Signora Rosanna Scotto, unitamente ad altre 2 autovetture, un camioncino ed una moto, è regolarmente imbarcata con la propria autovettura alle ore 12.00 da Procida per Pozzuoli. Sarebbe bene informarsi con precisione prima di strumentalizzare eventi di fantasia..

  4. La delega ai trasporti marittimi è complessa e direi anche “rognosa” spesso i miei concittadini vivono situazioni di disagio e in parte ne sento la responsabilità. Non sempre le soluzioni alle problematiche sono di immediata risoluzione, ma la determinazione a voler migliorare il servizio per renderlo sempre più aderente alle esigenze del territorio è costante.
    Ho letto sul Procidano di giorno 13 agosto la denuncia della Signora Rosanna Scotto che a suo dire non è riuscita ad imbarcare sulla traghetto delle 12.00 per Pozzuoli.
    Eppure dalla Società CAREMAR arrivano informazioni diverse “ la corsa in questione è stata effettuata dalla m/n fauno e, alle ore 12.18 in partenza da Procida, sono state imbarcate nr. 2 autovetture (tra cui l’autovettura della signora Scotto), nr. 1 autoveicolo commerciale e nr. 1 scooter. Non vi erano in banchina altri autoveicoli da imbarcare.
    Giusto per fare chiarezza sull’accaduto e per dovere di una giusta informazione.

    • Guglielmo Taliercio

      Ringraziamo la consigliera delegata ai trasporti Lucia Mameli per l’attenzione

    • Rosanna Scotto

      La risposta e la precisazione di Rosanna Scotto.

      Caro assessore
      Lei mi ha citata :” è partito il traghetto e si è imbarcato anche la signora Scotto “.
      Grazie per la precisazione che mi vede citata, in virtù del fatto che io avevo scritto un post su fb.
      Forse le sarò sembrata capziosa, invece ero semplicemente irritata e per varie ragioni. La prima ragione e’ perché mi è già successo altre volte, (io sono una pendolare), ed è successo per conoscenza diretta, anche a un’altra persona che io conosco. La seconda ragione che mi ha indotto a denunciare è che io e mio marito, scesi al porto con il dovuto anticipo per fare il biglietto dell’automobile e siamo stati UFFICIALMENTE mandati via con la certezza che non sarei imbarcata. Stavo per tornare a casa, dove non avrei saputo che invece la nave ci avrebbe poi fatti salire. Abbiamo invece deciso di restare al porto per mangiare qualcosa al volo in un ristorante di fronte allo sbarco ed è lì che siamo stati individuati e “recuperati ” . Intanto avevo già scritto il post, a cui sono seguite altre testimonianze, a dimostrazione che questi fatti si ripetono e continuano a creare disagi alla popolazione.
      Per questa ragione non ho cancellato quanto scritto perché CHE IL TRAGHETTO CI ABBIA IMBARCATO, a noi che non siamo scesi all’ultimo minuto, PUO’ INTENDERSI COME NORMALITÀ. Non è la normalità questa precarietà che impedisce di fare un programma, di stabilire una tabella di marcia, di stabilire delle tappe di viaggio che non vengano annullate senza un perchè e senza che un cittadino possa controllare.
      Dunque, da parte mia nessuna pretestuosità, solo il disagio che investe sia una partenza quotidiana di lavoro, sia una partenza di vacanza, laddove la mia vacanza è il viaggio verso una meta dove una famiglia di persone, genitori e fratelli, ci aspettano e non sono contenti se i pochi giorni che ci concediamo insieme siano abbreviati da ritardi colpevoli e ingiustificati!
      Rosanna Scotto

  5. Sono perennemente convinta che sui posti di responsabilità sostino quei cittadini
    che vorrebbero partecipare alla vita sociale e politica del paese .
    A parte ogni commento giusto o sbagliato che sia, ogni rappresentante votato dalla base,
    bene o male, sostiene ciò che ha promesso e ha potuto mantenere !
    E’ illecito ed infantile difatti vantarsi di meriti non conquistati in proprio .. . come oggi spesso accade !
    Molte vanaglorie sono frutto di sviste o raggiri che, poco hanno di lecito,
    specialmente se alla portata di ogni lettore !
    Ornarsi delle piume del pavone può condurre lo spettatore a
    non credere più ” in toto ” ad alcuna affermazione, anche se legittima, con danni singoli e collettivi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *