Home > Vivara > Presente e futuro dell’isolotto di Vivara: Scala attacca, Carannante risponde

Presente e futuro dell’isolotto di Vivara: Scala attacca, Carannante risponde

PROCIDA – Una nuova polemica accende il confronto politico procidano. Questa volta il consigliere del gruppo “Per Procida” e commissario di Forza Italia Menico Scala pone al centro dell’attenzione il presente ed il futuro dell’isolotto di Vivara. “Visite guidate ogni venerdì, sabato e domenica, tutti i giorni per le scolaresche. L’assessore: “Aspettavamo questo momento da anni” così titolava “La Repubblica” a firma di Paolo De Luca il 1 aprile 2017. Alla luce dei fatti, e dei tanti annunci smentiti subito dopo – scrive Menico Scala in una nota –  si è trattato dell’ennesimo “pesce d’aprile” che l’amministrazione procidana, tramite l’assessore Antonio Carannante ha riservato ai propri cittadini. Nell’articolo si legge: “La riserva aprirà ai visitatori ogni venerdì, sabato e domenica (per le scolaresche, invece, anche negli altri giorni della settimana). Ci si potrà aggregare a due visite giornaliere, alle 10 e alle 15, da prenotare sul sito del Comune entro 24 ore prima. Il prezzo del tour sarà di 10 euro, 7 per i residenti (gratis fino a 6 anni e 5 euro fino ai 18). Ogni gruppo (di massimo 30 persone) avrà uno speciale accompagnatore autorizzato, non più appartenente all’associazione “Vivara” o alla Lipu”, ma da un gruppo di guide formate. In effetti, da allora – continua Scala –  salvo brevi periodi di apertura ed a fronte di 25.000 euro annui che il Comune di Procida si è impegnato a versare all’Albano Francescano (o ad altri proprietari visto come si stanno evolvendo le cose) gli incassi, non hanno minimamente fatto fronte alle spese sostenute. La criticità, considerato che da tempo l’isolotto è chiuso alla visite né si è a conoscenza di chi dovrebbe svolgere l’attività promozionale ed organizzativa per portare visitatori sull’isola, non è formare o dare false aspettative a 5, 10 o 15 “ciceroni” bensì quella di allestire una organizzazione complessa che si occupi di promozione, marketing, manutenzioni, etc., cosa minimamente affrontata in questi quattro anni di amministrazione. Manca un centro visite, manca una sala accoglienza, un biglietto stampato, un sistema di pagamento e prenotazione abbastanza snello. Il problema di molti, tifosi inclusi – conclude il consigliere Scala – è di limitarsi ai soli annunci iniziali, fatti di ricchi premi e cotillons e di amichevoli articoli sulla stampa, e dimenticarsi, forse perché in altre faccende affaccendati, di quello che avviene quando i riflettori si spengono e bisogna realmente lavorare. Noi ci saremo sempre”.

Chiamato in causa pronta la risposta dell’assessore Antonio Carannante che, in un post sul suo profilo Facebook, scrive: “Mi viene da pensare che se la politica fosse disinformazione, qualche consigliere di opposizione sarebbe Kennedy…Ancora una volta si tenta di confondere la cittadinanza dando informazioni sbagliate. Leggo di Vivara chiusa, mentre la Protezione civile per motivi di sicurezza sta semplicemente attuando qualche piccola opera di taglio di rami cadenti lungo i sentieri. Ricordo che quest’Amministrazione da aprile 2017 ha finalmente messo a regime le visite a Vivara, e quest’ultima da allora non ha mai chiuso (tranne per pericolo d’incendio nei periodi estivi di forte calura). Abbiamo messo in sicurezza il ponte, sottoscritto un Accordo di Valorizzazione con la Soprintendenza dei beni archeologici-Federico II-Suor Orsola Benincasa anche per la costituzione del Museo Civico di cui abbiamo chiesto anche il riconoscimento regionale. Grazie al Comitato della Riserva si sono poi formate nuove giovani guide specializzate; si è finalmente restaurato e reso visitabile anche l’antico frantoio; sono stati approvati i progetti per recuperare i sentieri per visitare i fortini napoleonici con la passarella per la meravigliosa Casa girevole di Lamont Young sita all’estremità di Vivara (imminenti i lavori), e prossimamente si ha intenzione di procedere anche per un sentiero che conduce agli scavi micenei. Le prenotazioni avvengono sia telefonicamente che on line, ovvero secondo le modalità ad oggi più diffuse anche per garantire i pagamenti. Migliaia i visitatori in due anni, e tanta attenzione da parte dei media. Questi sono fatti… altro che promesse… Le chiacchiere da bar – conclude Carannante – le lasciamo a chi, sempre più disperatamente, continua a dare informazioni sbagliate illudendosi di raggirare la cittadinanza per raccogliere qualche consenso. Lavoriamo per una Vivara sempre più fruibile. La bellezza salverà il mondo”.

Potrebbe interessarti

E’ in edicola il nuovo numero di ProcidaOggi

E’ In edicola PROCIDA OGGI il giornale dei procidani In questo numero: IL CONVEGNO ALIMARI …

Un commento

  1. In questo articolo
    le bugie regnano sovrane.

    Specialmente e in particolar modo da parte dell’assessore.il cui pregiudizio del popolo bue e capra e i politici furbi lo caratterizza per la sua visione distorta e miope.

    A parte questo, c’è da dire che nelle argomentazionidell’Ass.re c’ e ‘tutto fumo e niente arrosto. Dopo 3 anni al timone del Comune non si e’ visto nessun passo concreto in avanti.La REALTÀ E” BEN ALTRA

    La verità e ‘che dal 2002 non si e’ messo in esecuzione nessun piano di gestione.

    Le visite su vivara sono illegali perché l’isolotto e’ carente dal punto di vista sanitario e non si nota un sistema di antincendio.
    Non notiamo un minimo presidio di pronto soccorso, ne’servizi igienici.Non vi e’ un punto di ristoro.
    Le guide anche se dicono sono istruite,devono essere munite di patentino Regionale tramite concorso.

    Mettere questo prezzo d’ingresso cosi alto lo trovo autolesionistico.Proprio in ragione del fatto che Vivara
    non ha le idonieta’ ne tutte quelle incombenze legali a cui deve soggiacere un Parco.

    A mio parere ,proprio in virtù di queste criticità,per invogliare e promozionare ci doveva essere prima una fase iniziale con il biglietto gratuito, e poi,magari,dopo

    aver espletato tutte le incombenze di sicurezza ed affidabilità ,procedere ad un aumento contenuto.

    La verità e’ che Vivara e’ usata dal sistema politico clientelare e affaristico soltanto per questi scopi.
    Vedi il Comitato di gestione,,da sedici anni anni poltrisce in attesa di mettere mano…. sul malloppo delle sovvenzioni ,che,per fortuna,non sono arrivate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *