Home > Procida: A Chiaiolella “Salta” il bancomat.

Procida: A Chiaiolella “Salta” il bancomat.

Il servizio, sin qui assicurato da Banco Napoli – San Paolo, è stato, infatti, soppresso all’inizio della stagione estiva.
L’impianto era ubicato alla fine di via Giovanni da Procida, a 20 metri dalla piazzetta che s’affaccia sul porticciolo turistico, all’ingresso di “Prochyta Bar”, una pasticceria che quest’anno festeggia i primi 20 anni di attività. Come riportato da Domenico Ambrosino dalle pagine de “Il Mattino”, Giuseppe De Matteo, 58 anni, proprietario e titolare dell’esercizio, così spiega il fatto: “ Nel 2006 ho stipulato con Banco Napoli un contratto di comodato gratuito di tre anni, per ospitare la struttura del bancomat. Il servizio ha funzionato con piena soddisfazione dell’utenza fino al termine dello scorso anno quando ho chiesto, a scadenza del contratto, la corresponsione di un fitto da concordare. Io avevo indicato una cifra trattabile di 800 euro mensili. Niente, nessuna risposta, poi sono arrivati gli operai della ditta esterna che gestiva il servizio a smontare e ritirare la struttura”. Dal Banco Napoli, sia a livello locale che centrale, solo risposte evasive: “Si vede che il servizio, funzionando attivamente praticamente solo nel periodo estivo, aveva dei costi che superavano i benefici. Del resto abbiamo un bancomat situato presso la nostra sede isolana di via Vittorio Emanuele, pienamente attivo e funzionante 24 ore su 24”. “ Ma si trova nella parte opposta dell’isola, nel centro storico verso Marina Grande” – dice Eugenio Michelino, segretario isolano dell’Ascom Confcommercio.
“Specie di sera, e quando il traffico veicolare nell’isola viene interrotto, farsi circa 4 chilometri a piedi, non è facile, specie se si tratta di persone che non conoscono l’isola. Non dimentichiamo che il porto turistico della Chiaiolella ospita ben 400 posti barca. Il che significa un ‘utenza varia ed articolata che cambia in continuazione”.
Maria Iovine, presidente dell’associazione culturale “Chiaiolella- Borgo marinaro” non si arrende: “Dopo una serie di battaglie, da due anni abbiamo ottenuto l’apertura estiva di una farmacia che offre un ottimo servizio. Da qualche giorno è in funzione anche una gioielleria. Abbiamo preso contatto con un altro istituto bancario per l’apertura di un nuovo bancomat. Non è possibile rinunciare a questo tipo di servizio nel contesto socio – economico che Marina Chiaiolella esprime”.
E’ stata, intanto, attivata una raccolta di firme per manifestare alle autorità l’importanza del problema. Fabrizio Borgogna, assessore comunale al turismo, non si tira indietro e dichiara che sta lavorando per la risoluzione della problematica, anche con altro Istituto Bancario.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *