Home > Procida. Borrelli: “Gli errori del Direttore dell’AMP Regno di Nettuno”

Procida. Borrelli: “Gli errori del Direttore dell’AMP Regno di Nettuno”

Certe volte la realtà supera la fantasia. Dopo essermi battuto e aver ottenuto assieme ad altri amministratori l’istituzione dell’Area Marina protetta del Regno di Nettuno, mai mi sarei aspettato di essere accusato di non averla  a cuore. Un’accusa infondata, quella formulata dal direttore della riserva, Riccardo Strada, che da non napoletano non conosce la storia e le battaglie per ottenere la nascita della riserva naturale. D’altronde a Ischia il direttore ci ha messo piede solo dopo un bel contratto. Mentre io difendo e difenderò questo territorio, perché lo amo e proprio per questo trovo assurdo che per non permettere a poche marinerie puteolane di continuare a pescare ad Ischia e Procida si è giunti al punto di farsi bocciare sonoramente dal Tar. Già perché il Tribunale Amministrativo ha accolto il ricorso delle marinerie puteolane e ha ordinato che tutti possano pescare nelle zone C e D. In poche parole per andare contro pochi storici pescatori si è permesso a tutti indiscriminatamente di pescare. C’è poco da commentare. I fatti dimostrano che le scelte estremiste non pagano. Ma lezioni di ambientalismo non le accetto soprattutto da un direttore che non vuole le piccole marinerie Puteolane, ma ha permesso l’allevamento  e la mattanza di Tonni Rossi a Procida. A Procida però non erano poveri pescatori ma ricchi imprenditori.

Francesco Emilio Borrelli

http://www.ischiablog.it

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *