Home > Procida Come cercare di superare la crisi?

Procida Come cercare di superare la crisi?

La crisi socio-economica in cui versa l’isola e l’esigenza di invertire la tendenza per cercare di creare condizioni di sviluppo sono avvertite da tutti. La faccia parallela allo stato delle cose è rappresentata da una assoluta mancanza di una seria ricerca di quel che è urgente fare per raggiungere tali obiettivi. Il quadro amministrativo è sconsolante. L’assenza operativa delle organizzazioni politiche rende frammentato ogni confronto e la crescita democratica ne paga le conseguenze. I due blocchi politici che si sono confrontati alle ultime elezioni amministrative sono in disgregazione. Per quel che riguarda la maggioranza, l’aggregazione di centro destra “Procida in Progresso”, è ridotta ad una somma di singole figure in contrasto tra loro e non certo su aspetti “amministrativi”. La fine di tale esperienza è stata ufficialmente riconosciuta da suoi autorevoli esponenti, anche se poi tutto viene lasciato al logorio del tempo.

Tale evidenza è solo marginalmente legata alla fuoruscita di tre suoi consiglieri comunali. Essi si trovano fuori non per scelta. Fosse stato per loro, avrebbero continuato il tran-tran di sempre, tra convenienze varie e mugugni esterni per salvar la faccia di fronte al giudizio della collettività per le responsabilità dello stato dell’isola. Non è dissimile a tale comportamento quello di altri assessori e consiglieri comunali, da ultimo la dichiarazione di qualche giorno fa a questo giornale di un assessore in carica che “al tutto va male” propone come rimedio l’esigenza di un “confronto programmatico” al loro interno, senza alcuna autocritica e, al più, per cercare per se la candidatura a sindaco.

Pur con tutta la differenza di responsabilità, non migliore appare la situazione nel centro sinistra di quella che fu “Unione per Procida”, dove sono venuti meno nella partecipazione e nella proposta sia chi si era assunto il ruolo di leader, sia alcuni “nuovi” più attratti dal qualunquismo dilagante e dai personalismi come strumenti di lotta politica che interessati ad un serio approfondimento dei problemi, Di tanto in tanto una apparente effervescenza nell’isola ruota intorno a singole problematiche, peraltro trasformate in bandierine ideologizzate e su aspetti collaterali, più conseguenza che causa, spesso strumentalizzate per mediocri interessi o mire personali. Questo quadro politico appare sconfortante.

L’unica merce che abbonda è la folta schiera dei futuri aspiranti “candidati sindaci” e la confusa ricerca di mettere assieme un po’ di supporters a tal fine. Procida non può annegare in tanta palude. Non è più rinviabile l’avvio di una iniziativa che metta insieme le energie del paese per porre un freno alla crisi in cui si dibatte l’isola e guardare al futuro. E’ giusto attribuire riconoscimenti e responsabilità a chi ha operato in questi anni ma è ancora più urgente decidere cosa fare e, sulle scelte chiare e condivise, individuare le rappresentanze amministrative che operando insieme alle associazioni delle categorie economiche, sociali, culturali possano realizzare quanto necessita. L’incontro dei “riformisti”, a cui parteciperò come prosecuzione dell’impegno civico di sempre, é fissato per sabato prossimo alle ore 17.30 presso l’aula consiliare del Comune di Procida.

Dovrà valere come avvio di una fase di confronto e di organizzazione, una iniziativa a tutto campo, senza preclusioni di qualsiasi genere, senza personalismi, con l’attenzione al presente, lo sguardo rivolto al futuro, senza dimenticare le esperienze trascorse. La partecipazione è aperta e spero di incontrarvi quanti avvertono le stesse esigenze e intendono perseguire una alternativa all’attuale stato di cose, oltretutto in una fase della grave crisi che investe il mondo intero e rende tutto più difficile.

Pasquale Lubrano – Partito Socialista

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *