Home > Trasporti > Procida: Per coprire cinque Km bisogna utilizzare tre pullman, è un vero record

Procida: Per coprire cinque Km bisogna utilizzare tre pullman, è un vero record

eavbusDi Giuseppe Giaquinto

Nel nostro viaggio nel nuovo dispositivo del trasporto pubblico locale entrato in vigore, oggi ci soffermiamo sui disagi per i pendolari e per gli abitanti delle zone periferiche.
Un lavoratore, studente o pendolare che sia, che deve prendere il bus a Solchiaro o alle Centane e che prima doveva sperare solo di non incontrare qualche difficoltà lungo il percorso per  prendere il primo aliscafo o il primo traghetto per Napoli, da oggi in poi deve sperare di arrivare a S. Antonio per le 6,20 o per le 6,50 e augurarsi che nel frattempo non sia già sopraggiunto l’ L1 previsto a tabella in transito sempre per le 6,20 o per le 6,50. Immagino che in mancanza di ogni assistenza busserà alla porta della sig.ra di fronte per chiedere lumi sull’eventuale passaggio del L1,  dopo di che si avvierà a piedi al porto,  rassegnato ad aver perso l’aliscafo o il traghetto ma augurandosi di prendere almeno il successivo e, soprattutto, ripromettendosi di scendere con un mezzo privato a partire dal giorno seguente.
Al rientro da Napoli, dopo una giornata di lavoro, con l’aliscafo delle 18,15 o delle 19,00, lo stesso pendolare, mentre poteva contare di rientrare a casa dopo 20 minuti dall’arrivo, oggi avrà a disposizione un nuova sorpresa. Se utilizza l’aliscafo delle 19,00, ad esempio, con arrivo a Marina Grande alle 19,40, fino ad ora poteva affidarsi al passaggio del L2 delle 19,40, ora, invece,

dovrà attendere l’ L1 delle 20,00, scendere a S. Antonio e salire sul L2 delle 20,20 sperando di essere a casa dopo 50/55 minuti dall’arrivo al Porto. La situazione descritta, a titolo di esempio, si ripete nel corso della giornata anche per altre corse, garantendo, secondo i nostri amministratori,  a pendolari, lavoratori, studenti un servizio di trasporto frequente, comodo e puntuale. E siccome un servizio caratterizzato da tale efficienza bisogna pur pagarlo, il biglietto per questa utenza da ora in poi costerà 1,50 euro, cioè il 25% in più rispetto a prima, compreso l’addizionale giostra e l’effetto suspence.
L’Amministrazione propaganda che il servizio, così come concepito, viene incrementato di alcune corse, come ad esempio quelle sulla linea L2 che serve l’utenza diretta presso la struttura ospedaliera. Ma i nostri amministratori si sono resi conto che un utente di Terra Murata piuttosto che di S. Rocco per raggiungere l’ospedale deve prendere ben tre BUS: uno che lo porta a Piazza della Repubblica, un altro che lo porta a S. Antonio ed un terzo da S. Antonio all’Ospedale. Lo stesso calvario dovrà sopportare per auspicare un ritorno a casa per il pranzo, dopo aver assolto le incombenze ospedaliere.

Ben SEI pullman e, tra attese e percorsi in andata e ritorno, una spesa di ben 100 minuti della propria giornata passata per fare 5KM in andata e ritorno. Se si può essere fieri di aver voluto tutto questo vuol dire che allora mi sono bevuto il cervello ed altri hanno la mente illuminata da impianti LED di ultima generazione.
Da non trascurare il discorso riguardo il rincaro del costo del biglietto per gli abitanti delle zone di Terra Murata, Solchiaro, Ciraccio. Assolutamente inaccettabile far pagare a questa utenza un rincaro del 25% sul biglietto solo perché hanno il privilegio di salire su due o tre bus, fare qualche attesa all’aperto a S.Antonio o a Piazza della Repubblica, prima di raggiungere la meta. Eppure validi esempi di trasporto di terra e di aria dimostrano che più la linea è diretta più si paga. Più è veloce e si arriva prima e più costa. A Procida, invece, anche il disagio ha un costo ed una corsa dal Porto a Madonna delle Grazie vale più di una corsa dal Porto alla Chiaiolella.
Ma dico, proviamo o no imbarazzo nel vedere un anziano che con il sole o la pioggia o il vento è costretto a salire e scendere da un bus per aspettarne un altro, per fare per necessità  2 o 3 Km pur di non farsi accompagnare in macchina da un familiare o da un conoscente? Proviamo o no imbarazzo nel vedere turisti che hanno pagato 30 euro di biglietto A/R ai quali bisogna spiegare che per andare a Terra Murata, visitare il Borgo piuttosto che la spiaggia del postino, per farsi un bagno dovrà tentare di fare 800 metri con un bus, contendendoselo con altre decine di persone, scendere ed aspettarne un altro, prospettandogli, con onestà,  forti dubbi sulla possibilità di rientro al porto, nel pomeriggio? Proviamo o no imbarazzo quando vediamo un pendolare che dopo una giornata di lavoro è costretto a perdere ulteriori 50 minuti per tornare a casa oppure al mattino anticiparsi di mezz’ora per timore di perdere l’aliscafo?

Oltre a questo imbarazzo, personalmente, provo seri dubbi per un servizio di trasporto che per recuperare qualche corsa spezzetta i percorsi degli autobus e diminuisce le corse sull’asse principale. Come provo reale perplessità quando propagandano una maggiore puntualità del trasporto. Evidentemente avranno immaginato che nel momento in cui un cittadino decide di prendere un bus si ferma l’orologio, visto che con questa organizzazione diventa complicato ammettere un recupero di tempi negli spostamenti.
E non mi propagandassero neanche che prima il servizio non funzionava, perché non è così. La configurazione del servizio non è stata messa mai in discussione in oltre mezzo secolo da nessuna delle 7 amministrazioni succedutesi, da nessun tecnico o professionista che si sia accostato al tema mobilità territoriale, né da alcun cittadino e da  turista. Il servizio ha bisogno certamente di mezzi adeguati e di un aumento delle corse rispetto ad alcune esigenze estive ed invernali. Ma per questo bastava puntare i piedi a terra in Regione, chiedere un riammodernamento del parco bus ed un aumento del Kilometraggio attribuito, facendo capire che il cambiamento passava anche per il raggiungimento di questi risultati.

Voglio ancora precisare che non c’è nessun pregiudizio verso le scelte amministrative che riguardano la vita di una comunità. Anzi ho sempre partecipato a battaglie per il progresso civile e sociale della mia isola, guardando avanti e mai indietro.  Posso dire con estrema franchezza che è la prima volta che inizio una battaglia per difendere il passato e chiedere un passo indietro rispetto ad una presunta innovazione che rappresenta solo sacrifici e disagi per i procidani, disservizi per i turisti, danni per alcuni operatori del territorio. Né riesco a comprendere quali riflessi positivi possa avere sulla limitazione del traffico privato un’organizzazione del trasporto pubblico cosi immaginata. Ecco perché l’attenzione sul problema continuerà in modo incessante. Nei prossimi giorni chiederemo l’adesione al nostro comitato di forze politiche, sindacali, sociali e vi informeremo sulle iniziative a sostegno di questa battaglia che vedrà certamente l’organizzazione di alcuni flash mob, un’assemblea pubblica sul tema, la richiesta di un incontro in Regione ed in Prefettura e l’avvio di una grande petizione popolare per chiedere il ripristino della precedente organizzazione.

Potrebbe interessarti

Le Stagioni dell’amore e del cuore

di Anna Rosaria Meglio Nella vita quante sono le stagioni dell’amore e del cuore? E’ …

7 commenti

  1. Giovanni villani

    Ogni mattina prendo 3 mezzi da molo beverello per raggiungere la sede di lavoro a Napoli. Linea 151 da via marina alla stazione della circumvesuviana a porta nolana, circumvesuviana verso Poggioreale e Circolare C90 verso via della stadera al confine con Casoria. Biglietto integrato di 1, 5 euro per 90 minuti o abbonamento mensile integrato di 42 euro. Stesso percorso al ritorno la sera.

  2. geppino pugliese

    Trovo

    le argomentazioni di Giaquinto assolutamente condivisibili.

    All’inizio quando si pensava,e prima di essere formulato,ad un servizio di circolarità,idealmente ,ho pensato che la cosa poteva andare.

    Ma ora che è stato messo in atto,una cosa posso affermarla : ” UNA VERA E PROPRIA PORCHERIA ”

    Il Sindaco,a cui non interessa minimamente il miglioramento dei servigi a procidani,alla loro maggior tutela,ma solo tronfio di narcisismo e tracotanza,ha prodotto con l’implementazione di questa ” GIOSTRA ”

    solo ulteriori disagi e appesantimenti,sia fisici che monetari.

    Una vera assurdità! Io penso che la linea L2 non debba assolutamente essere toccata,perchè rappresenta l’asse portante del trasporto pubblico,che copre l’intero territorio,partendo dal porto,certo,

    pur rimanendo l’impianto cosi com’e, facendo funzione,quindi,di corse supplementari, Solo cosi avrebbe un senso.

    Comunque ,si è in fase sperimentale,spero che il Sindaco si ravveda e mostri comprensione.

  3. Poi che il servizio trasporti pubblico, lascia tanto a desiderare,
    per che non organizzarsi attraverso un servizio collettivo ma privato ?
    Con le risorse della tecnica moderna che,
    ci fornisce commercio d’auto elettriche,
    si potrebbe organizzare un trasporto migliore, da ogni punto di vista !
    Insistere su vetusti esempi validi fino al secolo scorso
    quando sull’isola circolavano pochi eletti, è dissennato !

  4. Queste sono le persone che abbiamo messo ai trasporti……..complimenti !!!!!!!!

  5. geppino pugliese

    Mi scusassero

    se torno a commentare,ma lo faccio solo ora che ho letto il commento del Dott. Villani

    Questi dice bene che ha fatto un solo biglietto,per raggiungere a destinazione facendo vari cambi,ma MANCA DI UN FATTORE ESSENZIALE.

    Ed è quello che IL CAMBIO DI VETTORI LO SI FA PERCHE SI TRATTA DI PERCORRENZE kILOMETRICHE FORTI

    NON COME A PROCIDA DI POCHISSIME CENTINAIA DI METRI.

    IL PARAGONE E’ ASIMMETRICO PERCIO INDIFENDIBILE

    • Giovanni Villani

      Trattasi di poco meno di 6 km di percorrenza…molto vicino ai 5 KM di Procida! A volte vado anche a piedi….

  6. certo che per tre Km, tre bus mi sembra una pazzia………ma le delegata ai trasporti dove sta??????
    solo polemica e nulla più……ci meritiamo questo, punto…..li abbiamo votati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *