Home > Procida. Dopo le promesse elettorali, riprendono gli abbattimenti delle case. A Napoli sotto la Regione, cittadini si incatenano e iniziano lo sciopero della fame.

Procida. Dopo le promesse elettorali, riprendono gli abbattimenti delle case. A Napoli sotto la Regione, cittadini si incatenano e iniziano lo sciopero della fame.

ababttimentiSit-in di protesta davanti alla sede della Presidenza del Consiglio della Regione Campania, isola F/13 del centro direzionale di Napoli.  A manifestare sono state le associazioni anti-abbattimenti della regione Campania, che da mesi seguono l’evolversi della spinosa questione e che non hanno lesinato sforzi ed energie per la battaglia che coinvolge migliaia di famiglie. 

[youtube qzwG8jmZERU] 

Alla manifestazione di protesta organizzata dal Comitato per la casa di Pianura hanno partecipato i comitati “Diritto all’Abitazione” di Castellammare di Stabia, “Casa Sicura” di Cava de Tirreni, “Libero Comitato Cittadino” di Giugliano, “Comitato Saggese” di Afragola, “Casaurea” di Casoria, “Arcobaleno” di Lettere, “L’Arca di Noè” e “Diritto alla Casa” di Sant’Antonio Abate, “Diritto alla Casa” di Ischia e Procida, “Amici del Territorio” di Santa Maria la Carità, oltre ai comitati di S. Cipriano D’Aversa, Villa Literno, Soccavo, Licola, Pozzuoli, Torre Annunziata e Gragnano. 

Il sit-in si è reso necessario dopo la bocciatura del decreto “ferma ruspe” di una settimana fa, avvenuto per un presunto parere di incostituzionalità alla Camera dei deputati.  

I comitati chiedono a gran voce chiarezza da parte del Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, dei consiglieri regionali e degli  assessori sulla situazione attuale che – in assenza del decreto legge – ormai, potrebbe  drammaticamente sfuggire di mano. I comitati hanno altresì invocato un faccia a faccia  per cercare di affrontare seriamente la problematica degli abbattimenti delle abitazioni costruite abusivamente in tutto il territorio campano.

La protesta arriva dopo mesi di battaglia e di manifestazioni checontinueranno nei prossimi giorni anche con lo sciopero della fame di cinque capifamiglia che forse si vedranno demolita la casa nelle prossime ore.

Quello che si chiede non è altro che  l’impegno di tutta la politica, senza distinzione di colore o appartenenza” ci dice un rappresentante dei comitati. “Vogliamo augurarci che la politica e le istituzioni sappiano dare risposte in tal senso a persone che hanno costruito sì abusivamente, ma senza speculare e senza intrecci camorristici all’interno”.

Link al video anche su youreporter:

http://www.youreporter.it/video_Protesta_alla_regione_contro_gli_abbattimenti_1

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *