Home > Comunicati Stampa > PROCIDA ISOLA ACCOGLIENTE – Giornata Mondiale del Rifugiato

PROCIDA ISOLA ACCOGLIENTE – Giornata Mondiale del Rifugiato

PROCIDA – (c.s.) Da marzo 2018, per la prima volta in una piccola isola, è stato attivato il progetto Sprar sull’isola di Arturo. 34 persone sono accolte a Procida accompagnate dal grande affetto dei procidani. 
Il 28 giugno 2018 a partire dalle ore 16,30 a Procida sarà celebrata la Giornata Mondiale del Rifugiato, ricorrenza voluta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto di celebrarla il 20 giugno di ogni anno con la Risoluzione 55/76. L’iniziativa sarà realizzata da LESS Impresa Sociale Onlus e Comune di Procida con la collaborazione attiva della cittadinanza nella storica cornice di Palazzo D‘Avalos. Piazza d’Armi – Terra Murata “Per la prima volta in tanti anni ci troviamo a celebrare questa giornata in un clima ostile verso i migranti anche da parte delle istituzioni – spiega Marika Visconti, presidente di LESS Onlus – le famiglie accolte a Procida, invece, hanno trovato un grande affetto e disponibilità sia da parte del Comune di Procida, sia da parte della cittadinanza”. La giornata inizierà con il convegno Il dovere di restare umani: il diritto d’asilo, in cui verranno analizzati tutti gli aspetti legati alle richieste di asilo. Alle ore 18,00 verranno aperti al pubblico gli stand tematici per condividere arti, sapori e colori con la cittadinanza. Alle 19,00 musica live con Promusic Band e Capone & Bungt Bangt. “Il nostro obiettivo in questa giornata – spiega Visconti – è creare ulteriori connessioni tra i cittadini procidani e le famiglie accolte, comprendendo assieme che differenti culture sul territorio sono una ricchezza per la comunità”. “L’esperienza di Procida dimostra che la corretta integrazione dei migranti è possibile – dice Raimondo Ambrosino, Sindaco di Procida – Se ciascun comune d’Italia contribuisse alla gestione di questo fenomeno, l’impatto per le singole comunità sarebbe minimo. Dal confronto con persone che vengono da lontano possono anche nascere nuove opportunità.”

PROGRAMMA


Ore 16,30  Convegno: IL DOVERE DI RESTARE UMANI: IL DIRITTO D’ASILO.
Interverranno:
Raimondo Ambrosino – Sindaco del Comune di Procida
Giulio Riccio – Direttore LESS IS Onlus
Yasmine Accardo – Attivista della Campagna Lasciatecientrare e di K-ALMA
Pierre Dimitri Meka – Mediatore Culturale
Adele del Guercio – Docente di diritto dell’Unione Europea, Università degli Studi Orientale di Napoli

Gennaro Avallone – Docente Dipartimento Scienze Politiche Sociali e della Comunicazione Università di Salerno  
Thiesie Mueller – Pastora valdese

Ore 18,00 APERTURA STAND
1. Cornrows: giovani ragazze richiedenti asilo realizzeranno le treccine africane.
2. Batik & Gioielleria: esposizione di batik e gioielli realizzati artigianalmente da donne rifugiate e richiedenti asilo
3. Cibo Etnico: piatti etnici realizzati da Tobilì, la cooperativa di catering composta da rifugiati e richiedenti asilo.
4. Prodotti tipici di Procida: degustazione di prodotti gastronomici figli della cultura procidana.

19,30 LIVE
PROMUSIC BAND
CAPONE & THE BUNGT BANGT

Evento realizzato in collaborazione con:
Associazione Borgo Marinaro della Chiaiolella 
Forum dei Giovani di Procida
Parrocchia San Giuseppe

info: eventi@lessimpresasociale.it

Potrebbe interessarti

MARetica: mens sana in corpore sano

Di Miriam Colturi PROCIDA – Sabato 15 settembre 2018, nella Piazza di Marina Grande a …

6 commenti

  1. Ma quale procida isola accogliente!

    Spero ardentemente che i RICHIEDENTI ASILO

    col nuovissimo GOVERNO ITALIANO vengono esaminati subito,e,se non in regola,cacciati.

    E’ COMODO

    fare i ” buonisti..” con i soldi dei cittadini europei.
    Fosse per me,farei cacciare i soldi x accoglienza alla Giunta Comunale. Vedreste come si risolverebbe subitp tutto.

    Per fortuna abbiamo un ” CAPACiSSIMO ” MINISTRO DEGLI INTERNI SALVINI che difendera’ l’Italia e gli

    Italiani da questa invasione.

    Ci sono cinque milioni di italiani sotto la soglia di poverta’

    e questi “FINTI IPOCRITRI BUONISTI ” si preoccupano di questi.

    Per fortuna ,la elezioni del 4 marzo HA CANCELLATO DALLA CARTINA POLITICA

    la SINISTRA E IL CENTROSINISTRA

    per la loro politica “CIECA E PSEUDO UMANITARIA ”

    ALTRO CHE FESTE E BALLI

    DOVETE ANDARE A CASA TUTTI

    • Mi dispiace vederla e sentirla sempre cosi’ intossicato. Le manca sempre quel po’ di bonomia che caratterizza l’anziano in pace con se stesso e con il mondo. Sappia che anche lei ha tolto qualcosa a qualcuno, come tutti, peraltro. E’ sicuro di non aver nulla da farsi perdonare e che, quindi non abbia il dovere, direi il piacere, di perdonare qualcosa agli altri suoi simili? Nel caso non li considerasse simili, potrebbe almeno lasciarsi andare ad un superiore gesto di carità? Spero di si’: sia umano.

      • A tal Sandrino

        che non ho il piacere di conoscere,ma ne faccio volentieri a meno

        visto la POCHEZZA di costui che si permette di giudicare impunemente una persona che non

        conosce neppure lontanamente

        .Mi dispiace tal sandrino che non La posso attaccare personalmente perchè non so chi siete.

        ma stai sicuro che se avessi la possibilità ti dipingerei in tutti i colori

        visto la Sua immodestia ,la sua irresponsabilità di giudicare una persona che non conosce..

        Mi fai veramente tanta compassione

  2. Le cause di guerra che hanno determinato questa irresponsabile e pericolosa immigrazione, sulle nostre coste, sono frutto di sconsiderate e dittatoriali politiche con cui, questi disgraziati senza arte ne parte, devono combattere . Potete chiedere aiuto ma, solo a livello politico, mediante forti pressioni che condizionino i governi incriminai. Noi inermi contribuenti, siamo tra i due fuochi e dobbiamo subire, nostro malgrado, decisioni che ci coinvolgono e ci stravolgono quotidianamente ! Nei paesi dove ” anche i nostri connazionali ” hanno chiesto asilo in passati governi e situazioni d’emergenza, abbiamo esportato, non lo dimentichiamo, mafia e corruzione a vari livelli, per che come loro, non avevamo possibilità, diritti e doveri, da potere far valere come condizione immigrati . Attualmente e con vari espedienti, si tenta di porre argine a tali fenomeni che, si protraggono nel tempo a nostro esclusivo discapito !!

  3. La Sig.ra PIERA

    a cui faccio i miei complimenti,fa un analisi saggia e profonda del fenomeno immigrazione. Che,si badi bene,non è un accadimento sporadico e fluttuante.

    Siamo in presenza di qualcosa di cui ci sfuggono le cause originarie di questi trasferimenti di massa.
    Ci sono sempre state zone ” calde ” in Africa dove le guerre ,il dispotismo,la fame e la poverta sono stati caratteri costanti

    basta pensare in eritrea sudan tutta la fascia sud sahariana e in tanti altri paesi

    che ,in epoche passate, sono state colonizzate e sfruttate dei beni esistenti,da paesi come francia ,portogallo,inghilterra e ,specialmente,

    dagli americani ,che addirittura schiavizzano la gente con un vero e proprio traffico di esseri umani dalle loro terre natie in quel d’America. La storia ce lo insegna.

    Non si tratta ,come dice tal Sandrino,di puro “umanesimo ” se accogliere o meno i migranti.Sono gli immigrati, esseri umani come tutti,e da me hanno il massimo rispetto.

    Ma una cosa è il “finto umanesimo”di una parte della società italiana ,un’altra è ,

    per L’Italia e l’ Europa creare le condizioni per impedire che questa invasione,favorita ,logicamente,dai poteri

    capitalisti alla Soros,forze occulte, ,mafia,camorra,ONG, interessi di Stati stranieri,

    non si tramuti in una tragedia europea ,

    perchè non si sono adottate politiche ” forti” di controllo migratorio.

    Il problema dell’immigrazione è cosi complesso che abbisognerebbe di uno studio e di un analisi delle radici originarie di questo fenomeno

    non facili battute di SANDRINI italiani che la buttano sul falso e ipocrita pietismo .

    Per fortuna ,il voto del 4 marzo hanno ” bocciato ” i ” Sandrini ” sinistroidi

    e,ora,si cambia pagina ci si avvia ad una politica seria e responsabile ,scevra di pseudo pietismi alla Sandrino.

    E ,questo,specialmente,per il “bene ” di questa gente che ha bisogno ,innanzitutto, che ,nei loro paesi di

    origine,si creino le condizioni di una vita prosperosa e rispettabile

    Penso è su questo punto che l’Europa possa dare un grande contributo di solidarietà umana e,specialmente,dal punto di vista economico

    aiutare gli africani a d emergere e a ribellarsi contro i loro Dittatori sfruttatori.

    • Noto con piacere che l’emerito Sig. gep, ha finalmente cambiato tono: è meno intossicato, piu’ umano.
      Tra l’atro, nella risposta a PIERA non ha neanche usato il tutto MAIUSCOLO per “gridare” le sue affermazioni. Insomma, si notano i primi segnali di miglioramento, spero non dovuto a una terapia farmacologica, ma solo a qualche camomilla. Mi compiaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *