Per Procida: riorganizzare urgentemente l’azienda comunale

PROCIDA – (Comunicato Stampa gruppo “Per Procida”) – Molti cittadini ci hanno segnalato che, da diversi giorni, rete internet e protocollo (informatico) del Comune di Procida sono fuori uso. Non sappiamo quale sia la motivazione del disservizio né, tantomeno, Amministrazione ed Uffici hanno ritenuto giusto (sempre per la trasparenza) informare la cittadinanza, l’auspicio, comunque, è che tutto sia rientrato.

Certo è che, nel suo complesso, la situazione dei servizi comunali diventa, giorno dopo giorno, sempre più preoccupante giacché, anche qui, così come in tante altre problematiche affrontate dal Sindaco Ambrosino&Co non si intravede “né capo né coda”.

Non si è ancora provveduto, per esempio, a indire il bando per la copertura del posto di Comandante della Polizia Municipale, né è stata avviata procedura concorsuale per l’assunzione del dirigente dell’ufficio Tecnico Comunale che, a breve, rimarrà scoperto.

Sempre a proposito dell’Ufficio Tecnico, nonostante la grossa mole di lavoro cui è sottoposto, al momento non sono più di tre le unità destinate a tempo pieno.

Tutto questo senza contare le vertenze che, quasi giornalmente, le Organizzazioni Sindacali avanzano nei confronti dell’Amministrazione, non ultimo pagamenti stipendi e spettanze arretrate.

Come gruppo “Per Procida”, anche in vista degli ulteriori pensionamenti già previsti e programmati, occorre una serie riflessione ed una rideterminazione dell’intera organizzazione dell’azienda Comunale, anche utilizzando tutti i finanziamenti disponibili per una maggiore “dematerializzazione” dell’intero sistema.

Anche su questo argomento tanti gli annunci e i selfie de “La Procida che Vorrei” nei mesi passati che, nella realtà, si sono rilevate poco più che promesse da marinaio.

Potrebbe interessarti

quercia colpita

Infestazione del Cerambice della quercia a Procida

Dopo il punteruolo rosso che ha fatto strage di palme, un altro insetto minaccia la …

Un commento

  1. I marinai le promesse le rispettano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *