Home > Procida. Statisticomiche (la comica delle interviste statistiche)

Procida. Statisticomiche (la comica delle interviste statistiche)


Premetto che conoscere per decidere e conoscere per programmare è fondamentale in tutte le materie anche e soprattutto nel settore turistico, dove l’esagerata crescita mondiale del fenomeno ne accentua la notevole importanza.
In poche parole per poter capire il fenomeno dell’attività economica, dell’impatto sull’occupazione e i risvolti sociali, ambientali e quindi culturali, sono necessarie delle statistiche accurate e non semplici aggiornamenti, alcuni dei quali addirittura discordanti poiché effettuati da una miriade di centri o altro, confermando che ognuno va per conto proprio.
Se poi ci mettiamo la possibile valutazione partitocratica, ecco che appariranno completamente incomprensibili e questo mi ha portato ad effettuare una personalissima statistica sul valore e la veridicità delle statistiche.100 (cento) albergatori – ristoratori alla domanda: Credi alle statistiche?
Hanno così risposto:
28 Perché tu ci credi?
11 Non ho tempo da perdere per queste str…anezze
52 Mamma mia
7 Neanche per sogno
2 Aff… le statistiche

Il risultato è talmente evidente che è inutile qualsiasi commento.
Alcune delle domande rivolte da parte di affermate e note federazioni, associazioni, università ed altro che le attuano, sono talmente comiche da far arrossire di vergogna i grandi sceneggiatori del passato, quelli di Stanlio & Ollio per capirci, e vale a dire una per tutte, quella di richiedere ad un gestore alberghiero (ma non al cliente) se il proprio hotel mantiene l’indicatore della qualità/prezzo (?).
Carnevalate che secondo loro danno il giusto metro di valutazione per gli operatori che da queste dovrebbero trarre gli obiettivi attraverso giuste analisi e valide informazioni mentre il sondaggio o campione degli intervistati difficilmente supera le 500 unità, cosa da cui non credo si possa evidenziare un grande valore aggiunto.
Di seguito, per comparazione, il modello francese:
1° SDT (Suivi de la Demande Touristique), frequenza della domanda turistica.
2° EVE (Enquête des visiteurs de l’étranger), ovvero l’inchiesta sui visitatori esteri.
Entrambi gli strumenti, SDT e EVE, sono dispositivi di rilevazione dati per così dire continui; per l’SDT, di più di 20.000 domande mensili sulle pratiche turistiche e sulla mobilità e più di 10.000 per EVE.
Due sotto-inchieste forniscono una informazione più completa sul consumo turistico: una parte per le “spese in Francia” e l’altra per le “spese all’estero”.
Inoltre, una inchiesta mensile su andate e ritorno giornaliere permettono d’ottenere delle importanti informazioni sui comportamenti e le pratiche dei turisti escursionisti.
Questa comporta mensilmente l’inchiesta di oltre 30.000 individui e il trattamento statistico di circa 20.000 risposte attraverso uno schedario delle strutture alberghiere: la scheda è stata espressa raccogliendo i dati delle prefetture, dei partner regionali e dei dipartimenti, in particolare per il campo della struttura delle catene alberghiere.
I soggetti economici locali, attraverso gli Osservatori Regionali del Turismo (ORT), hanno sottolineato la necessità di costituire un centro di raccolta dati, fondamentale per imprimere omogeneità e comparabilità dei dati tra una regione e l’altra.
La Francia quindi ha tutti gli strumenti metodologici e organizzativi richiesti dall’Unione Europea, dimostrando di avere un sistema che le permetterà anche nel futuro di mantenere la leadership mondiale nelle politiche di ricerca dati o statistiche per il turismo mentre noi abbiamo…lasciamo perdere.
Che ne dite, qualche differenza c’é?
Eppoi, siamo veramente in linea con la direttiva 95/57/CE ?

Luciano Ardoino
Fonte: http://tuttosbagliatotuttodarifare.blogspot.com/

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *