Home > mobilità > Procida: Traffico e divieto, tra petizioni e utilizzo delle tecnologie

Procida: Traffico e divieto, tra petizioni e utilizzo delle tecnologie

PROCIDA – In un mese di giugno contraddistinto da un caldo torrido, e non solo per la colonnina di mercurio che per molti studiosi della materia ha raggiunto livelli mai registrati nella storia, ma anche perché appena annunciate dall’amministrazione le misure per contenere il traffico veicolare (in pratica tre fasce orarie di divieto completo di circolazione sull’intero territorio isolano dal 1 luglio al 1 settembre), in modo particolare attraverso i social, si è scatenata una polemica rovente. Tant’è che, se tutti o quasi ritengono che il traffico rappresenta un grosso problema per la vivibilità dell’isola, sulle possibili alternative tante sono le ricette e, proprio nelle ultime ore, tra l’altro, un gruppo di cittadini  ha lanciato una raccolta di firme, il cui testo pubblichiamo di seguito, nella quale si richiede lo spostamento dalle ore 19,00 alle ore 20,00 della partenza della prima fascia di divieto. “I sottoscritti firmatari, vista l’Ordinanza n. 60/2019  del 25/06/2019 nella quale si stabiliscono le fasce orario per il divieto di circolazione veicolare dal 1 luglio 2019 al 01 settembre 2019; Considerato che per quanto riguarda la prima fascia (19 – 21) la stessa  a fronte di benefici per il passeggio alquanto flebili giacché, in un isola turistica a quell’ora si è ancora in spiaggia, crea grosse difficoltà sia per quanto riguarda le attività commerciali, di fatto costrette a chiudere anticipatamente, sia per gli avventori costretti  l’indomani mattina, a muoversi in maniera compulsiva per fare la spesa, situazione  che aumenta maggiormente lo stato di caos della circolazione veicolare in un sistema già complesso di suo; Per questi motivi i sottoscritti chiedono che il dispositivo di traffico disciplinato venga posticipato nella prima fascia alle ore 20.00, per consentire a tutti, in questo caso i commercianti e artigiani a svolgere con maggiore tranquillità il proprio lavoro e ai propri clienti  di fare  spesa al rientro dal mare evitando  situazioni caotiche”.

Sul fronte amministrativo, intanto, per aumentare il controllo del territorio, si chiede ausilio anche della tecnologia. Infatti, il Sindaco Dino Ambrosino, ha annunciato che: «Da mercoledì 3 luglio sono iniziati su tutto il territorio comunale i controlli dei veicoli con l’aiuto del targa system. I divieti di sosta saranno contestati immediatamente se le condizioni di sicurezza consentiranno ai vigili di fermarsi con l’auto. Diversamente le contravvenzioni saranno recapitate a domicilio.

Ci teniamo – sottolinea il Sindaco – a che i veicoli vengano lasciati in sosta negli spazi previsti, di recente ridefiniti dalla nuova segnaletica stradale. Questa regola è a garanzia della scorrevolezza del traffico e del rispetto degli utenti deboli della strada. Quindi è importante che prima di lasciare in sosta il veicolo, si controlli bene se questo è fuori dalle corsie di marcia, e all’interno degli stalli appositamente previsti. Se non c’è spazio, meglio non fermarsi.  Mi auguro che vengano rilevate un numero trascurabile di irregolarità, perché il nostro auspicio è di ottenere più ordine per le strade e non i contributi dei cittadini.  Credo – conclude Dino Ambrosino – che una buona regolazione delle attività ordinarie, renda superfluo ogni ulteriore divieto che incida sulle esigenze quotidiane dei cittadini».

Potrebbe interessarti

I “Profumi di Procida” all’HOMI Fashion&Jewels di Milano

PROCIDA – Si presenta ricca di eventi la prima edizione di HOMI Fashion&Jewels, il nuovo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *