Home > Procida Trasporti marittimi: la corsa del gambero.

Procida Trasporti marittimi: la corsa del gambero.

I trasporti marittimi nel Golfo di Napoli sembrano sempre di più avere assunto l’andatura del gambero (ovvero all’indietro) tale che, metterla a confronto con l’andamento di qualche anno fa, che non erano rose e fiori, nel migliore dei casi, riproduce una fotografia egualmente deprimente. In questa babele, quindi, non è un caso che il Sindaco Capezzuto e delegato ai trasporti, cap. Pasquale Sabia, oramai quotidianamente, stiano a segnalare, sollecitare, denunciare di tutto e di più alle Autorità competenti (Regione Campania).
Da questo punto di vista, sulla questione “Casamicciola”, per esempio, scrivono:“In proseguimento alle Ns 13725 del 2 Novembre, 14980 del 29 Novembre e 15239 del 6 Dicembre 2011 sullo stesso argomento e di cui non abbiamo ricevuto riscontro, continuiamo a sollecitarVi per la risoluzione della problematica relativa alla mancanza della M/T Casamicciola della Soc. Procidalines ormai ferma dal 31 Agosto 2011 con la soppressione delle corse relative.
L’unità sostitutiva immessa in linea, M/N Benedetta 2°, adibita solo al trasporto passeggeri, come già segnalatovi oltre che da noi anche dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Procida, ha effettuato solo alcune corse ed è ormai ferma in porto da giorni.
Tale problematica persiste dal Novembre 2010 e la M/T Casamicciola ha effettuato, in un anno, le corse OSP (Obbligatorie Servizio Pubblico) solo per due mesi configurandosi pertanto l’interruzione di tale servizio.
I lunghi tempi burocratici della Regione Campania nel prendere decisioni tali da eliminare il disservizio suddetto non trovano nessuna giustificazione e sono incompatibili con chi giornalmente deve sbarcare il lunario.
I tanti lavoratori pendolari da e per Pozzuoli per ragioni di lavoro, studio, mediche, forniture ecc. sono mesi che sopportano pazientemente le serie difficoltà operative e sono stanchi di promesse , rinvii e soluzioni temporanee. Il servizio deve offrire soluzioni definitive, continuative, non stagionali e sicure essendo a rischio il loro stesso lavoro, che specie in questo periodo di crisi, è di primaria importanza.
Le proteste che quest’ultimi continuano a presentare a questo Ente, alla Regione, alla Procura della Repubblica hanno raggiunto ormai punti di estrema preoccupazione e potrebbero sfociare in turbative per l’ordine pubblico.
Pertanto, essendo ormai scaduti i tempi di proroga concessi dalla Regione alla Soc. Procidalines, vogliate comunicarci ad oras i provvedimenti intrapresi, e i tempi improcrastinabili di ripristino di dette corse per tranquillizzare l’opinione pubblica.”
La cosa non finisce qui. Un grosso punto interrogativo, infatti, sembra aprirsi per quanto riguarda la rimodulazione, unilaterale e senza ascoltare le comunità locali, del quadro orario con spostamenti considerevoli rispetto a quanto approvato nella delibera di Giunta Regionale 443/2011, cosa che ha portato oltre duecento cittadini, pendolari e studenti a firmare una petizione per chiedere, viceversa, il mantenimento degli orari entrati in vigore solo qualche mese fa. Anche su questo registriamo la nota dell’Amministrazione comunale rivolta all’Assessore Vetrella nella quale: “In relazione a notizie di stampa e trapelate da addetti ai lavori circa variazioni al quadro orario in oggetto, come già ripetutamente richiestovi, ribadiamo di conoscerne l’entità .
A tal riguardo abbiamo ricevuto dai tanti pendolari la nota che Vi accludiamo completa di firme circa eventuale soppressione o variazione, fra le altre, della corsa Ischia Napoli delle 13.55 scalante Procida.
Tale corsa riveste particolare importanza per il ritorno a casa, in particolar modo con condizioni meteo marine avverse, degli studenti e insegnanti che si recano ogni giorno presso gli Istituti dell’Isola d’Ischia che hanno diritto alla pari dignità con gli studenti di Ischia che si recano a Procida e per i quali si è provveduto ad istituire un corsa speciale e sicura con nave traghetto, mentre i firmatari chiedono solo uno scalo a Procida di una corsa già esistente e per altro già accettata e instaurata nella delibera 443.”
Se ciò non bastasse, nonostante sin qui la clemenza delle condizioni meteo marine, causa motivi tecnici, la società di navigazione Caremar ha sospeso da diversi giorni buona parte dei collegamenti da Procida per Ischia, Pozzuoli e Napoli.

Potrebbe interessarti

Guardia Costiera: Parte l’operazione Mare Sicuro 2018

NAPOLI – Anche quest’anno, come ormai è tradizione, la Guardia Costiera dà il via alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *