Logo Per Procida 1 e1461823583903
Logo Per Procida 1 e1461823583903

Pronto soccorso: no a compromessi al ribasso

PROCIDA – (Comunicato stampa gruppo “Per Procida”) – Il comportamento del gruppo consiliare “Per Procida” e delle forze politiche che vi si riconoscono è notoriamente costruttivo ed operativo. Anche nell’attuale vicenda della soppressione del servizio ospedaliero per l’urgenza e l’emergenza è impegnato con gli stessi intenti.

Fin dall’inizio dell’anno quando si venne a conoscenza delle possibili intenzioni negative da parte del Commissario Polimeni, i consiglieri comunali di “Per Procida” chiesero la convocazione di una seduta del Consiglio per discuterne, sensibilizzando il sindaco per vie brevi che ritenne di soprassedere preferendo seguire i suoi contatti con la mano tesa dell’ASL di cui non si ebbe alcun riscontro positivo.

La seduta di Consiglio si tenne solo a maggio scorso e da allora tutti i documenti, le proposte operative, i suggerimenti forniti al sindaco per scongiurare il progetto del Commissario Polimeni sono stati approvati all’unanimità, tanto che il sindaco stesso ha più volte ritenuto di dover ringraziare per la fattiva collaborazione.

Era nostro dovere non sottacere l’episodio che l’Amministrazione aveva nascosto di essere stata a conoscenza ufficialmente fin da marzo delle decisioni di sopprimere il servizio per le urgenze ed emergenze a Procida. Era stata perduta l’opportunità di adottare le iniziative necessarie per evitare che il Piano fosse varato con quei contenuti ed è ovvio che, a cose fatte, è più difficile cambiare.

Ciò non ha impedito la nostra più completa collaborazione negli atti e nei fatti, fino alle proposte operative presentate nel corso della seduta di Consiglio Comunale del 30 settembre scorso e approvate, ancora una volta, all’unanimità, avverso l’Atto Aziendale dell’ASL che organizza lo smantellamento dei servizi in essere a Procida,

Al contrario. in tutti questi mesi non c’è stata alcuna attività e iniziativa dell’Amministrazione che abbia coinvolto la massima espressione istituzionale civica, ma solo approvazione di iniziative proposte dal gruppo “Per Procida” che hanno cercato di porre riparo, senza clamori, alle inerzie ed agli errori comportamentali di chi aveva, in primis, il dovere di operare.

Di ciò non meniamo vanto, ritenendolo un dovere nel rispetto del mandato popolare ricevuto e per l’impegno civico sempre posto in essere.

Il Sindaco e l’Amministrazione, purtroppo, hanno sempre operato con spirito di contrapposizione nel timore di dover condividere l’eventuale consenso.

La goccia che fa traboccare il vaso è l’ultima affermazione del Sindaco che di fronte alla decisione dell’ASL di organizzare con atti lo smantellamento dell’attuale servizio per sostituirlo con un Ospedale di Comunità, rispetto ad una melliflua e vuota lettera aperta del D G D’Amore, ritiene: “non lascerei cadere la mano tesa. La contrapposizione giova solo alla nostra opposizione che ci tiene a che noi perdiamo questa partita.”

Deve essere stato il suo modo di concepire essere consigliere di opposizione. E’ una concezione che non ci appartiene: svolgiamo il ruolo di minoranze, di controllo e di stimolo, che l’elettore ci ha assegnato. I valori comportamentali che ci contraddistinguono sono correttezza e lealtà, cosa che è difficile riscontrare nei comportamenti del sindaco e non solo su questo fondamentale problema.

A parte la necessità di chiarire se ancora una volta, come risulterebbe dagli atti, era a conoscenza o meno delle decisioni dell’ASL e non ha informato il Consiglio nemmeno in occasione in cui si è discusso di esse, e spiegare in cosa deve consistere la mano tesa all’ASL, come può permettersi di fare una simile affermazione nei confronti di “Per Procida” che ha sempre operato e collaborato lealmente, in sede locale, regionale e nazionale per quanto è nelle sue possibilità, pur non disponendo attualmente di rappresentanze esecutive al Governo, alla Regione, al Comune?

Provi a citare un solo esempio in cui “Per Procida” abbia dato adito alle sue gravi e gratuite affermazioni. Anzi, dalle parole e dai comportamenti del sindaco e di coloro che condividono il suo modo di operare, dalle prese di posizione di membri dell’Amministrazione, traspare rassegnazione, a volte finanche condivisione, del Progetto ASL-Polimeni, com’è documentabile.

Procida necessita di una struttura in grado di affrontare le urgenze e le emergenze sanitarie nelle forme e nei modi codificati dalle norme e non compromessi al ribasso con giochi di parole e termini tecnici che non garantiscono nulla.

I tentativi da parte dell’Amministrazione per contrastare il disegno di smantellamento dell’esistente sembrano più dettati dal fare apparire di aver fatto il possibile e prepararsi alla non remota eventualità che sia persa l’assistenza ospedaliera di urgenza, spingendosi fino all’assurdo di affermare che la colpa è dell’opposizione.

A “Per Procida” giova solo che la partita sia vinta, come le forze politiche che in esso si riconoscono l’hanno vinta tutte le volte che, in maggioranza o all’opposizione, hanno avuto la capacità di realizzare i servizi ospedalieri, di difenderli dai tentativi di smantellamento, sempre messi in atto da esponenti di matrice PD, PDS, PCI, secondo le denominazioni nel tempo. Ieri come oggi, come la storia degli ultimi trent’anni dimostra,

La smetta il sindaco di comportarsi in questo modo assurdo e maldestro, peraltro non nuovo, faccia il suo dovere, se ne è capace, a difesa della salute dei Procidani e sia leale.

Noi malgrado i suoi comportamenti continuiamo a batterci in ogni sede per VINCERE LA PARTITA.

Potrebbe interessarti

blank

Da questa notte attesi venti forti settentrionali e calo temperature

PROCIDA – Allerta Gialla della Protezione civile per temporali su tutta la Campania ad esclusione …

Un commento

  1. ” E ciucce s’appiccecan e ‘u varril’ se scass ”

    Non sarà ,magari ,scritto bene in dialetto,ma ,penso,dà l’esatta misura di come siamo combinati,e malissimo,a Procida.

    Un Sindaco ,che non è ancora libero da reminescenze giovanili…,teso soprattutto a mettere nel piatto solo il suo egoismo baricentrico e ancora saturo di tossine elettorali…

    e una opposizione che,mediaticamente,sembra collaborativa e propositiva ,ma,alle prese ancora con i postumi di una sconfitta elettorale cocentissima e che non riescono a digerire.

    Siamo messi proprio male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *