Home > cronaca > Prorogate al 1 Luglio le autorizzazioni nell’AMP. Importanti novità per i natanti che sostano nella “Chiaia” e “Corricella”

Prorogate al 1 Luglio le autorizzazioni nell’AMP. Importanti novità per i natanti che sostano nella “Chiaia” e “Corricella”

regno nettunoCosì come lo stesso direttore dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”, dott. Riccardo Strada, scrive nella determina n. 19 del 15 giugno 2014 “per problematiche derivanti dalla riorganizzazione degli uffici e dei servizi dell’AMP non è stato possibile, ad oggi produrre il materiale necessario al rilascio delle autorizzazioni per la nautica da diporto, la pesca sportiva e professionale, nonché per le attività professionali in essere nell’AMP.” Pertanto, logica conseguenza, una ulteriore proroga di tutte le autorizzazioni attualmente rilasciate ed in corso di validità relative all’uso delle acque del “Regno di Nettuno” per diporto, pesca sportiva e professionale, nonché attività economiche, ed attività di visite guidate subacquee, a tutto il 1 Luglio 2014, salvo ulteriore diversa determinazione successiva. Fino a quella data, sono autorizzati all’ancoraggio nell’AMP “Regno di Nettuno” i residenti ed equiparati a residenti ai sensi del Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’AMP Regno di Nettuno.

Si dispone, altresì, che tale autorizzazione è valida, anche in assenza di pregressa autorizzazione a condizione che siano esibiti agli organi di controllo: documento di riconoscimento in corso di validità, titolo di proprietà del mezzo nautico intestato al conduttore (licenza di navigazione per le imbarcazioni, certificato di assicurazione per i natanti), titolo di equiparazione a residente per coloro che non avessero la residenza anagrafica nei sette comuni dell’AMP.

Si autorizza, inoltre, l’ancoraggio ai non residenti che si rechino con i propri mezzi nautici presso i ristoranti siti nelle località “Chiaia” e “Corricella”, nei poligoni indicati dalle coordinate e visualizzati sul sito: www.nettunoamp.org . L’autorizzazione ha durata di 4 (quattro) ore dall’ora registrata su apposito tagliando che il ristoratore consegnerà su modulo numerato rilasciato dall’Ente Gestore. Ad ogni modulo dovrà corrispondere una ricevuta fiscale valida.

Il modulo, comprovante la prenotazione dovrà essere consegnato all’avventore al momento dell’arrivo in rada, ed accompagnato, dopo la consumazione del pasto, dalla ricevuta ed esibito alle forze di controllo.

 

Potrebbe interessarti

Procida: Marina Corricella apre un nuovo ristorante dallo stile bohemienne

PROCIDA – “Il Pescatore” inizia la sua avventura gastronomica l’8 agosto 2018 nel pittoresco scenario …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *