Home > Sala Newton gremita per la manifestazione per la pace. Successo personale di Ramzi Aburedwan.

Sala Newton gremita per la manifestazione per la pace. Successo personale di Ramzi Aburedwan.

Napoli 25/01/2009 – Già dalle 19 l’Agorà  del Science Centre della Fondazione Idis -Città della Scienza era stracolmo per assistere all’incontro con il pubblico che l’artista palestinese Ramzi Aburedwan ha voluto tenere, invitato dall’Osservatorio Euromediterraneo e del Mar Nero in collaborazione con l’Assessorato alla Pace e Immigrazione della Provincia di Napoli. Ha introdotto il Presidente dell’Osservatorio Raffaele Porta, che nel lasciare la parola a Ramzi affinché raccontasse il passato, il presente e le prospettive del suo paese, ha ringraziato l’Assessore Isadora D’Aimmo, il Presidente della Fondazione Idis, Vittorio Silvestrini, per aver co-organizzato e ospitato a Città della Scienza la manifestazione, e l’associazione Sudarte che ha reso possibile il concerto. Sabato  è successo, dunque, qualcosa di importante, perché  un ambasciatore di pace è sbarcato qui da noi proprio per portare note di pace. Nella sala Newton, affollatissima e in concentrato silenzio, Ramzi Aburedwan era al bouzouki e alla viola, e con lui sul palco c’erano Edwin Burger all’accordeon, Maryoujeries Qumseya alle percussioni e il tunisino Ziad Benyoussef al oud. In scaletta brani tradizionali palestinesi, classici della musica araba ed estratti dei suoi quattro album: “Si Seulement” del 2008, “Oyoun Al Kalaam” del 2007, “Nous ai mons la vie” del 2004 e “Dal’ouna” del 2002. Quel silenzio che valorizzava ancora di più le note orientali ma mediterranee di una “musica che unisce e non divide” era rotto soltanto da applausi fragorosissimi alla fine di ciascun brano, prima di un bis chiesto a gran voce da tutta la platea in piedi.  Ramzi, icona dell’Intifada, è il bambino di una famosissima foto dell’87, una foto che ha fatto il giro del mondo e che è stata simbolo di una guerra che sembra non trovare mai fine. E ricordiamo che fino ad aprile sarà visitabile – sempre a Città della Scienza, nei giorni di apertura del Science Centre – la mostra “Il Violinista-Al Kamandjati”, realizzata dall’Osservatorio Euromediterraneo e del Mar Nero, in collaborazione con l’assessorato alla Pace e Immigrazione della Provincia di Napoli, che racconta direttamente l’esperienza della scuola di musica, fondata dallo stesso Ramzi nel centro storico di Ramallah.

 

www.fondazioneidis.orgwww.cittadellascienza.it

 

Comunicato Stampa

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *