Poiesis e comune di Procida insieme nel progetto biblioteca e archivio storico

IL COMUNE DI PROCIDA E L’ASSOCIAZIONE POIESIS PROCIDA ARTI E CULTURE ONLUS IN DUE NUOVI PROGETTI CULTURALI:

IL SERVIZIO BIBLIOTECA E ARCHIVIO STORICO

di Fabio Branchi

Il Comune di Procida prevede nell’àmbito della sua organizzazione ,con il contributo dell’Associazione POIESIS PROCIDA ARTI E CULTURE ONLUS, il “Servizio Biblioteca e Archivio Storico”. Il Servizio concorre al raggiungimento delle finalità statutarie dell’Ente, con particolare riferimento a quelle socio-culturali; a tal fine esso è preposto a garantire gratuitamente a tutti i procidani il diritto all’informazione, alla documentazione e alla formazione permanente, allo scopo di favorire la crescita culturale individuale e collettiva degli isolani quale presupposto indispensabile per l’acquisizione da parte dei cittadini della capacità di esercitare i loro diritti democratici. Il Comune di Procida recepisce i principi e gli indirizzi della legislazione statale e regionale vigente, in tema di biblioteche e archivi storici, recepisce altresì gli indirizzi di Organismi internazionali, come, ad es., Il manifesto UNESCO per le biblioteche pubbliche: linee guida IFLA/UNESCO per lo sviluppo, impegnandosi a realizzarne le indicazioni. La biblioteca e l’Archivio Storico sono “istituti e luoghi della cultura”, giusta art. 101 del D. lgsl. 22.1.2004 n. 42, Codice dei Beni culturali e del paesaggio. La Biblioteca raccoglie conserva, tutela e restaura, incrementa e mette a disposizione del pubblico a fini culturali il suo patrimonio librario antico e moderno, manoscritto e a stampa o su diverso supporto. La documentazione riguardante la Storia, la Letteratura, le Arti e la Cultura scientifica-tecnologica, l’Economia e tutto quanto sia direttamente o indirettamente correlato a Procida e al suo territorio, al ruolo storico e culturale che l’isola ha svolto nei secoli trascorsi ed è chiamata a svolgere. L’istituto mantiene stretto legame di collaborazione con l’Università degli Stud; svolge altresì le funzioni tipiche della “biblioteca pubblica”, assicurando a tutti la più ampia accessibilità alle raccolte e la fruibilità dei suoi servizi. La Biblioteca assolve i compiti riconosciuti alla “biblioteca pubblica”, curando prevalentemente i compiti di informazione, promuovendo il libro e la lettura, svolgendo attività culturali, collaborando con le Scuole pubbliche e con le associazioni del territorio sul quale più direttamente esse operano, favorendo il coinvolgimento della popolazione locale con particolare attenzione ai bambini ed ai ragazzi procidani (per i quali si dispone di speciali “sezioni”), agli anziani, ai cittadini europei o extracomunitari o a altre fasce particolari di pubblico. La Biblioteca cura e sviluppa particolarmente – accanto ai tradizionali servizi della “biblioteca pubblica” – quelli collegati all’uso della rete “Internet” e alla fruizione dei documenti multimediali. L’Archivio Storico conserva e gestisce per fini storico-culturali pubblici il patrimonio documentario antico del Comune di Procida, considerato nella sua inscindibile unità. Tutta la documentazione dell’Ente, compresa dal XIV al XX secolo, ovunque essa trovasi eventualmente collocata, deve essere riunita e gestita in un’unica sede, per assicurare al patrimonio archivistico antico dell’Ente la certezza della sua unitaria tradizione nel tempo, una gestione coerente e organica, il completo uso pubblico delle fonti storiche comunali. L’Archivio Storico – per il tramite della sua antica documentazione – svolge funzioni culturali parallele ed integrative a quelle della Biblioteca Comunale. A tale fine, l’uno e l’altra compongono, il cd. “Polo della memoria storica procidana”, cioè un insieme di istituti culturali comunali tra loro integrati sul piano dell’organizzazione dei servizi, l’uno e l’altro destinati a raccogliere, conservare e tramandare – rispettivamente attraverso il documento e il libro – una compiuta testimonianza della Storia dell’isola e del suo territorio nonché della più rappresentativa Cultura nazionale, di cui Procida è partecipe .L’accesso alle biblioteche e all’Archivio Storico è libero, è altresì gratuito, fatta eccezione per alcuni servizi che prevedono il rimborso dei meri costi (per es. fotocopia, riproduzione fotografica o digitale di libri o documenti). Il servizio pubblico è organizzato per favorire la più ampia accessibilità da parte di tutti i cittadini (italiani, europei o di altra provenienza), con trasparenza di comunicazione interna e di procedure, con pari trattamento delle persone. La consultazione pubblica del patrimonio culturale nel suo complesso è disciplinata da norme d’uso, da apposite guide o manuali interni al servizio. Le strutture operative in cui si articola il “ polo della memoria storica procidana” sono organizzate come un “Sistema” di servizi bibliografici e archivistici, unitario e organico per l’intero territorio comunale, con lo scopo di offrire – singolarmente o nel loro insieme, direttamente o indirettamente – la più completa ed efficace soddisfazione delle esigenze informative e culturali richieste dal pubblico. Il personale del Servizio opera e agisce, dunque, offrendo ai fruitori della Biblioteche e dell’Archivio Storico la massima collaborazione e assistenza professionale, con imparzialità di comportamento, adoperandosi per la più ampia accessibilità ai documenti e ispirandosi ai principi di trasparenza dell’azione amministrativa. Il personale si rende inoltre riconoscibile da parte del pubblico, per mezzo di apposito distintivo o tessera del Servizio, che deve sempre esibire quale elemento di comunicazione e di trasparenza nei riguardi del pubblico. Il Servizio organizza, inoltre, attività culturali d’interesse pubblico, onde promuovere – attraverso il libro, i documenti storici o loro correlati supporti contemporanei – ogni forma di Cultura e di conoscenza letteraria, storica, scientifica o artistica, antica e moderna, nazionale o estera, con la più ampia disponibilità nei confronti di tutte le Culture e le Lingue. Promuove, con particolare attenzione, la lettura e la valorizzazione del patrimonio culturale di cui esso è titolare, al fine di divulgare la Letteratura, la Storia, l’Arte, le Scienze e, in uno, la Cultura isolana, per valorizzarne nella più ampia maniera l’eredità tramandata attraverso il libro e il documento d’archivio, latamente intesi. A tale fine il Servizio progetta e realizza, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, conferenze e dibattiti pubblici, mostre bibliografiche e documentarie, visite guidate nelle sedi e ogni altra attività culturale d’interesse pubblico, ricercando il coinvolgimento delle libere associazioni locali, delle Scuole, dell’Università, di altri istituti culturali nonché di eventuali partner privati, disponibili anche a sostenere i costi e gli oneri organizzativi di specifiche attività o progetti. Il Servizio cura ,con particolare attenzione, speciali attività culturali a favore dei bambini e dei ragazzi procidani, organizzandone il relativo servizio con personale specializzato, in spazi attrezzati e dotati di patrimonio specifico. Favorisce al contempo l’uso delle sedi da parte degli anziani, l’accesso alle stesse per i cittadini diversamente abili e mette in atto iniziative volte a favorire l’integrazione civile e culturale dei cittadini europei o extracomunitari, residenti sull’isola. A chi motivatamente lo richieda, il Servizio concede in uso gratuito Sale o particolari ambienti attrezzati per lo svolgimento di attività culturali pubbliche che siano rispondenti alle finalità istituzionali, culturali e sociali del Servizio stesso. Sono escluse le attività di mero carattere politico o elettorale, legate cioè alla vita dei partiti o di associazioni sindacali; sono altresì escluse le attività di categorie professionali o artigiane, di istituzioni religiose-confessionali, di associazioni private che non abbiano attinenza con i compiti istituzionali delle biblioteche e degli archivi storici. La concessione in uso è effettuata con specifici atti di gestione.

Potrebbe interessarti

blank

”Il progetto di codice marittimo del procidano Michele De Jorio”  di Alfonso Mignone

Nicola Silenti da Marittimi&Navi IL 23 gennaio p.v.alle ore 18.00 si svolgerà,presso la Casina dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *