Trasporti Marittimi: “Elemento penalizzante per l’isola e per il turismo”

Dopo le recenti festività pasquali che, tra gli elementi negativi, hanno riproposto l’annosa problematica dei collegamenti marittimi da e per Procida, settore strategico per l’isola che, qualche tempo fa, definimmo, e ridefiniamo senza difficoltà purtroppo, come una vera e propria “babele”, il presidente della Pro Loco di Procida, Giuseppe Giaquinto, ha inviato una nota all’Assessore ai Trasporti della Regione Campania (il quale, per la verità, ci sembra navigare molto più che a vista) per sollecitarne un fattivo interessamento.
“La Pro Loco di Procida a seguito delle previste difficoltà verificatesi durante le festività pasquali per quanto riguardo l’afflusso di passeggeri e veicoli da e per l’isola di Procida dovute all’evidente impossibilità della società pubblica Caremar e della unica società privata operante sul collegamento Procida – Pozzuoli, la Soc. Gestur, di programmare corse supplementari per far fronte alla quantità di afflusso registratosi sull’isola, provocando non pochi disagi e turbative agli imbarchi, esprime all’assessorato ai Trasporti della Regione Campania la propria preoccupazione per il prosieguo della stagione turistica sull’isola.
In più occasioni la Capitaneria di Porto di Procida e l’assessorato ai Trasporti del Comune dell’isola hanno sollecitato un intervento istituzionale per regolamentare e garantire i collegamenti marittimi tra l’isola di Procida e la terraferma in particolare il porto di Pozzuoli, anche alla luce della sospensione da oltre 6 mesi del servizio di trasporto assegnato alla società Procida Lines che garantiva alcune corse di primaria importanza per l’isola.
In particolare la Pro Loco Procida, proprio in coincidenza di una nuova politica di rilancio turistico messa in atto sul territorio che vede un nuovo interesse per l’isola da parte di molti segmenti di vacanzieri, paventa che tutti gli sforzi operati da amministratori ed operatori dell’isola, vadano compromessi dalla difficoltà per i turisti di raggiungere l’isola di Procida, in particolare dal porto di Pozzuoli, con partenze assolutamente insufficienti per una località di interesse turistico come Procida.
Senza dimenticare che gli stessi isolani, studenti e lavoratori pendolari, sono da mesi in seria difficoltà per la impossibilità di raggiungere il porto di Pozzuoli con frequenza e regolarità. Aggiungendo, altresì, che, sempre da oltre sei mesi, il primo collegamento utile da Pozzuoli per raggiungere l’isola di Procida viene operato con arrivo a Procida intorno alle ore 9,20 mettendo in difficoltà scuole, uffici postali, ospedale, edilizia, approvvigionamenti di prima necessità, nel silenzio dell’autorità regionale pure sollecitata.
Procida ha tutto il diritto a vedersi garantita la giusta mobilità per i propri cittadini, per i pendolari da e per l’isola ed anche la giusta vocazione a promuovere il turismo sul proprio territorio in linea con le indicazioni più volte diffuse dalla stessa regione Campania, senza penalizzazioni per la propria economia.
Si richiede, pertanto, un intervento urgente di codesto assessorato affinché in tempi celeri e nella assoluta regolarità venga garantito all’isola di Procida un collegamento adeguato con il porto di Pozzuoli, in primis, prevedendo altresì un piano di emergenza in occasione di grossi afflussi turistici durante i fine settimana anche da e per il porto di Napoli, verificando con la società pubblica Caremar, giustamente considerata interlocutore privilegiato nella garanzia della mobilità marittima nel golfo, la possibilità di prevedere per l’isola di Procida posti per passeggeri ed auto in numero supplementari durante i fine settimana estivi.”.

Potrebbe interessarti

tonnage tax

Coronavirus e crisi globale: una riflessione sul mondo dello shipping

Di Nicola Silenti da ilsarrabus.news Mentre sui media imperversa la riflessione sui risvolti drammatici della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *