Home > Comunicati Stampa > Trasporti marittimi: Federconsumatori Campania e Autmare chiedono incontro al gruppo consiliare PD

Trasporti marittimi: Federconsumatori Campania e Autmare chiedono incontro al gruppo consiliare PD

caremar nel portoCari amici parlamentari del Consiglio Regionale della Campani tra le tante questioni che state giustamente affrontando circa l’inefficienza della Giunta Caldoro c’è da aggiungere la spinosa questione della Caremar e dei trasporti marittimi in genere.

Per la Caremar continua un’azione eversiva da parte della Giunta e dell’Ass. Cascetta rispetto alle indicazioni date dal Consiglio Regionale con la finanziaria 1/2009 che vuole per il post-Caremar ed in linea con l’accordo di programma di cessione Stato-Regione ( gestito da Bassolino ) una società mista del 51% pubblico dando alle istituzioni locali (ai comuni delle isole Ischia, Procida e Capri e provincia ) la possibilità di ingresso nella maggioranza societaria.

Per i trasporti marittimi continua un’allegra gestione regionale che cozza con i principi europei che vogliono concorrenza e non monopoli. In queste ore ( il 31 luglio 2014 ) il Garante della Concorrenza si pronuncerà ancora una volta sull’esistente cartello degli armatori del golfo di Napoli che nega diritti di concorrenza e libero mercato.

In più c’è da tener conto che col prossimo 1/1/ 2005 l’Area Metropolitana di Napoli sarà una realtà e sicuramente essa non potrà essere esclusa da una scelta di privatizzazione all’ultima ora fatta da una Giunta che sulla questione ha negato democrazia e partecipazione, tant’è che al TAR sussistono ancora ricorsi contro non ancora trattati (comuni di Capri, Anacapri, Forio e quello dell’Ass. Autamare che ha anche un ricorso pendente davanti al Capo dello Stato ).

Tanto premesso, Vi chiediamo un urgente incontro in sede regionale per le questioni di cui sopra che trovano perfetta aderenza con la seguente piattaforma approvata recentemente al Capricho de Calise in Casamicciola T., che qui si richiama nelle sue linee essenziali:

NO alla privatizzazione della Caremar!

SI’ alla Regionale Marittima Co.Re.Ma. di cui alla legge 1/ 2009;

SI’ alla partecipazione dei Comuni delle Isole e dell’Area Metropolitana di Napoli alla gestione di detta società per la parte pubblica;

No all’ingresso nella quota minoritaria degli imprenditori privati che eserciscono linee nel Golfo, attuali e futuri;

Apertura di un confronto politico-istituzionale con la Regione per l’avvio di quanto sopra e per la istituzione del tavolo tecnico regionale RESCA (Regione, Enti locali, Sindacato, Consumatori ed Associazioni) per dar vita ad rinnovato piano orario per i servizi minimi da assegnare alla società pubblica che garantisca la continuità territoriale per tutto l’anno, gli approvvigionamenti ed i servizi speciali (energetici e rifiuti).

Federconsumatori Campania Rosario Stornaiuolo

 Autmare  Nicola Lamonica

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *