Home > Trasporto pubblico su gomma a Procida: un servizio da ripensare completamente.

Trasporto pubblico su gomma a Procida: un servizio da ripensare completamente.

autobus C2Da sempre attento alle problematiche che riguardano la mobilità, il presidente della Pro Loco Procida, Peppe Giaquinto, non perde occasione per evidenziare, così come di seguito farà, il totale abbandono in cui versa il trasporto pubblico su gomma sul territorio dell’isola.
“Non è difficile intuire – dice Giaquinto – che solo la disponibilità del personale dipendente consente, ad oggi, di mantenere in vita un servizio che certo non risponde alle necessità di un’ isola come Procida. I gridi di allarme più volte lanciati da istituzioni e cittadini sono rimasti inascoltati da parte di un’azienda, l’EAV BUS, che risulta assolutamente inadeguata a dare delle risposte ad un territorio che proprio sul trasporto pubblico deve far leva per garantire una mobilità adeguata ai suoi cittadini e per intensificare l’organizzazione e l’ accoglienza turistica. C’è da precisare – continua Giaquinto – dopo oltre venti anni dall’ istituzione del servizio, la SEPSA prima e l’EAV BUS dopo, non hanno mostrato grande attenzione verso l’isola di Procida, sia in termini di investimenti, rimasti praticamente fermi all’epoca del primo affidamento, eccezion fatta per i 4 nuovi bus della linea L1 poi dirottati a Ischia, sia in termini di servizi, dove Procida ha dovuto, anche in questo caso, fare la “cenerentola” rispetto a delle risposte in termini di efficienza e di garanzia oltre che sono state date su Ischia o sull’area flegrea. Con l’approssimarsi della stagione estiva, poi, diventa veramente difficile concepire come quest’azienda con cinque autobus in esercizio ultraventennale, quindi ad alto inquinamento ambientale e a rischio blackout da un momento all’altro, possa garantire un servizio soddisfacente senza incorrere nei soliti problemi delle linee saltate, delle corse annullate, del mancato potenziamento lungo l’asse centrale, degli isolani lasciati appiedati sulle fermate, dei turisti bloccati ai capilinea, della impossibilità da parte dell’amministrazione comunale di applicare le fasce di divieto estivo di circolazione privata per assoluta inadeguatezza del trasporto pubblico.
E così – sottolinea il presidente della Pro Loco – mentre da una parte si fanno sforzi per richiamare sull’isola turisti e visitatori e rilanciare l’economia territoriale, si deve assistere ad una sostanziale impresentabilità del nostro sistema locale di trasporto che vanifica tutti i tentativi di presentare un’isola a misura d’uomo con servizi dignitosi. Per quanto ci riguarda l’idea di base resta quella di garantire un trasporto ecocompatibile per il centro storico e le periferie dell’isola ed un trasporto integrato efficiente a basso impatto ambientale lungo l’asse centrale a servizio altresì del trasporto marittimo. Idea che ha trovato riscontro da parte dell’azienda nei vicini comuni di Bacoli e Sorrento. Intanto – conclude Giaquinto – chiediamo all’EAV Bus di garantire da subito una maggiore efficienza nella comunicazione con l’apertura in un infopoint al porto, così come è auspicabile una immediata attivazione dello stesso sistema di biglietti adottato nella vicina isola d’Ischia con l’istituzione di biglietti giornalieri e settimanali nonché l’istituzione dell’abbonamento per nucleo familiare con notevole risparmio per i residenti e gli ospiti dell’isola. Da ultimo, ma non per ultimo, chiediamo all’azienda una maggiore attenzione all’organizzazione del trasporto per i disabili, praticamente impossibilitati ad utilizzare i mezzi pubblici e, per il prossimo anno, l’istituzione di un servizio dedicato all’utenza scolastica, tale da scoraggiare l’utilizzo del mezzo privato da parte dei genitori costretti ad accompagnare i figli più piccoli fino ai cancelli scolastici, così come attuato nei comuni dell’isola d’Ischia.”

Potrebbe interessarti

Scala (F.I.) scrive a Centrella: aumentiamo uomini e mezzi nel periodo estivo

PROCIDA – Il consigliere comunale nonché commissario di Forza Italia, dott. Menico Scala, ha inviato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *