Un procidano alla presidenza del “Regno di Nettuno”.

di Francesco Marino

In questi giorni sono iniziate le grandi manovre per nominare il nuovo presidente dell’area marina protetta “Regno di Nettuno”, ultimo sciagurato progetto del nefasto Pecoraro Scanio.
Sorto con chiari intenti per migliorare l’ambiente marino per Ischia e Procida, l’A.M.P., dopo lunghissime trattative, è partita senza entusiasmo e subito è diventata terra di conquista dei politici per creare nuove poltrone e spremere soldi ai cittadini.
Col tempo, non è difficile immaginarlo, diventerà economicamente una palla al piede per le casse regionali e per i comuni d’Ischia e Procida.Ora, sembra, che in base ad un gentleman agreement tra i comuni cofondatori, la presidenza spetti a Procida. La figura del presidente non è molto importante ai fini gestionali, a questa è deputata la figura del Direttore, ma è pur sempre una figura rappresentativa e di indirizzo. Un buon presidente, se di personalità, può incidere e come sulle scelte gestionali dell’A.M.P.
La nomina del presidente dell’A.M.P. è il primo vero atto dell’Amministrazione Capezzuto il quale, durante la campagna elettorale, ha fatto della parola DISCUNTINUITA’ la sua bandiera. Sino ad oggi il Sindaco Capezzuto, che tante simpatie aveva suscitato tra noi, ha deluso giacché non è riuscito a districarsi dall’abbraccio di vecchi volponi politici. Ora è tempo che dimostri che può muoversi autonomamente con la propria testa. Nomini alla presidenza dell’A.M.P. un uomo di “rottura”, di limpida personalità e spiccata competenza. Un nome, ad esempio, lo vogliamo fare: il dott. Lino Giumella, ex funzionario regionale e stimato professionista. Al Sindaco, ovviamente, la responsabilità. I procidani si aspettano che decida in autonomia.

Potrebbe interessarti

blank

Presentato il Piano nazionale del mare. Un primo passo nella direzione giusta

di Nicola Silenti da Destra.it Una nazione di mare col sigillo di legge. E’ stato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *