Home > Acqua, caccia ai morosi. 20 milioni da recuperare. Durissima la linea della GORI spa

Acqua, caccia ai morosi. 20 milioni da recuperare. Durissima la linea della GORI spa

marati-gori.jpg

IL MATTINO 25/01/2009 – di FRANCESCO VASTARELLA

Linea dura della Gori in 76 comuni dell’area vesuviana-sarnese: sconti a chi paga subito o distacco del contatore.

Assemblee pubbliche, sit-in, proteste. Perfino un referendum. Che però è stato bocciato da un elettorato che ha ritenuto inutile la chiamata alle urne. La battaglia per l’acqua pubblica a Nola però va avanti lo stesso, sostenuta da un comitato che non esita a giocare tutte le carte possibili per ottenere il risultato. Dice Raffaele Napolitano, che è tra i fondatori del movimento cittadino: «Gli ottomila cittadini che si sono recati a votare esprimono una volontà che non può non essere presa in considerazione. Il Comune dovrà tenerne conto». Ora i cittadini hanno deciso di chiedere la cancellazione degli oneri di depurazione «che – spiega Napolitano – non sono dovuti dai cittadini in virtù di una recente sentenza della Corte Costituzionale».

Pagate e sarete ricompensati, pagate subito e otterrete anche lo sconto. Per recuperare 20 milioni di bollette dai morosi, la Gori scende in campo con le offerte speciali, giusto in tempo di saldi. La campagna riguarda 76 comuni del cosiddetto Ato3, ambito territoriale ottimale, dei comuni dell’area vesuviana e nocerino-sarnese: un milione e mezzo di abitanti, 500mila allacci alla rete idrica se si tiene conto, oltre che delle famiglie, della presenza di attività commerciali, fabbriche, scuole, officine, bar, ristoranti. Sono 80mila le utenze che hanno almeno due bollette arretrate e sono quindi considerate irregolari.

Tutti i morosi che pagheranno la bolletta di diffida e messa in mora entro 25 giorni dal ricevimento potranno godere della riduzione del 78 per cento sulle spese esattoriali, che incidono non poco sul totale. «Gli importi più alti potranno essere, inoltre, rateizzati secondo le esigenze dell’utente», si legge nella nota diffusa dalla Gori, la società che gestisce il servizio idrico integrato e la rete delle condotte dove da anni sono necessari interventi per riparare falle e dissesti decennali, da ben prima che la società prendesse in carico il servizio in comuni come Castellammare, Ercolano, Torre del Greco. Rischia la visita dell’esattore a casa, invece, chi non rispetta i termini ultimi di pagamento. Non solo. Su chi non pagherà incombe la minaccia del distacco in breve tempo del contatore dopo la visita dei dipendenti dell’esattoria. La Gori avverte, però: dovranno pagare tutti, subito o più in là. Le prime cartelle esattoriali per la riscossione coattiva delle morosità sono già state affidate per la consegna. Per l’operazione la Gori si è affidata alla società Areariscossioni spa, autorizzata dal ministero delle Finanze.

Dunque, le lettere di messa in mora arriveranno con la firma dell’Areariscossioni e non della Gori. Non è la prima volta che la società fa ricorso al giro di vite contro i morosi. Operazioni del genere sono state avviate già due anni fa e nel 2008. Al distacco dell’acqua si è arrivati soltanto in casi eccezionali. La maggior parte degli utenti hanno, infatti, saldato i debiti grazie alla rateizzazione. Dovrà aspettarsi, invece, la visita dell’esattore chi non pagherà alla scadenza del termine ultimo. L’esattore, avverte la Gori per prevenire eventuali tentativi di truffa, sarà riconoscibile da un tesserino con il nome, la foto e l’intestazione della società Areariscossioni. Gli esattori dovranno esibire all’utente la copia della lettera di diffida inviata. Chi si rifiuterà di pagare i bollettini anche dopo la visita dell’esattore, rischia il distacco del contatore e in più il fermo amministrativo dell’automobile e l’aggravio dei costi legali.

f.v. ilmattino.it

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *