Home > procida > Avviate le procedure per affidare i lavori al costone di Santa Margherita

Avviate le procedure per affidare i lavori al costone di Santa Margherita

frana s margheritaEra il maggio 2008 quando una importante frana interessò il costone in località Santa Margherita Vecchia, in prossimità dal ponte che collega l’isola di Graziella a Vivara. A seguito di tale evento venne interessato anche un immobile, realizzato anni addietro, tanto da  renderlo  inagibile insieme ad altre unità abitative poste nelle vicinanze. Il Comune di Procida, all’epoca l’assessore ai lavori pubblici era l’attuale Sindaco Vincenzo Capezzuto, si attivò per un intervento di somma urgenza al fine di limitare i pericoli per la pubblica e privata incolumità sollecitando, contestualmente, il settore “Difesa Coste” della Provincia di Napoli alla progettazione di adeguate opere di difesa e di messa in sicurezza dell’intero sito. In questi anni, ben sei, l’iter burocratico per l’approvazione e il finanziamento di tali lavori ha subito non pochi rallentamenti, tra cui la necessità di rifare il progetto in quanto, nel frattempo, altre micro frane avevano ampliato la zona d’intervento e modificato lo stato dei luoghi. «E’ chiaro – dice l’assessore al demanio Rachele Aiello – che più volte abbiamo fatto presente agli Enti competenti, le preoccupazioni degli abitanti del luogo che, anno, dopo anno, vedevano assottigliarsi, inermi, i propri fondi, così come abbiamo rappresentato la necessità di tutelare la strada e le altre infrastrutture ubicate nella zona quali, ad esempio, rete idrica e fognaria. Personalmente ed a nome dell’Amministrazione Comunale, dal 2010 ad oggi, ho sempre pressato la Provincia, ed in questo ringrazio due cittadini del luogo, il dott. Ruggiani e il com. Pasquale Tramontano, che si sono adoperati affinché il procedimento avviato giungesse ad esito positivo, ed oggi sono veramente felice di poter comunicare che, finalmente, è stato pubblicato il bando per l’affidamento dei tanto agognati lavori. Inoltre – continua l’assessore Aiello – un altro risultato importante è stato portato a casa nell’ambito del settore demaniale ovvero la chiusura dell’iter tecnico amministrativo e il finanziamento di circa 130mila euro, per i lavori che interesseranno il molo di levante dove sarà realizzato il “Punto di imbarco del pescato” (GAC). Sempre su questo punto è stata autorizzata una proroga di sei mesi ai pescatori per continuare a sbarcare il pescato nella località provvisoria che tuttora risulta come banchina di riva in via Roma».

Ritornando alla gara di appalto per i lavori che interesseranno il costone di Santa Margherita, indetta dalla Provincia di Napoli (oggi Città Metropolitana), il cui esito sarà probabilmente reso noto nel prossimo mese di gennaio, gli stessi consisteranno nel rinforzo e risagomatura al piede dell’esistente scogliera; rafforzamento della falesia; rinforzo del ciglio superiore con chiodature profonde con opero di drenaggio.

Potrebbe interessarti

Sindaco Ambrosino: Un poco alla volta li stiamo beccando tutti

PROCIDA – Sul fronte del deposito “abusivo” di rifiuti in alcuni tratti di strade dell’isola, …

Un commento

  1. Un illustre concittadino ,A. Lubrano,

    conduttore RAI,nel corso di una trasmissione molto famosa al pubblico,soleva ,nell’affrontare un argomento ,dopo averlo analizzato e snocciolato,porsi un interrogativo,quello più diretto e facile,e ,rivolgendosi al pubblico, diceva :

    ” La domanda sorge spontanea”.

    E,la domanda è questa: ” Ma l’allora Ass.re Cap e la Aiello, dov’erano quando ,e parlo, della Chiaiolella,e di S. Margherita,quando furono realizzati quei manufatti,TOTALMENTE ABUSIVI

    tra cui uno pure crollato , e che dovevano immediatamente,per legge,essere rasi.. al suolo,per ripristinare lo stato del luoghi. Forse dormivano.

    Non penso ,visto che l’UFF.Tecnico COMUNALE è ,a mio parere,il responsabile massimo del disastro abusivo di S.Margherita………,insieme ad altri…certo,

    Le coste franano,e va bene,ma l’abusivismo edilizio su di esse , resta una colpa incaccellabile

    altro che vantarsi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *