elezioni procida e1430670326926
elezioni procida e1430670326926

Comunali 2016. Il trionfo del personalismo e la sconfitta dei partiti

di Nicola Silenti da Destra.it

Una fiera delle vanità con parecchie ossa rotte e un formidabile numero di caduti sul campo di battaglia. Le elezioni amministrative del cinque giugno si chiudono a Cagliari all’insegna di Massimo Zedda, riconfermato sindaco del capoluogo sardo al primo turno e la sconfitta dei suoi avversari, condannati alla resa prima ancora dell’approdo a un più onorevole secondo turno di ballottaggio. Un rovescio che investe in modo inappellabile i due grandi sconfitti del fronte degli sfidanti: anzitutto il rassemblement misto civico targato centro destra, e la deludente performance dell’outsider e presunto terzo incomodo della vigilia, alla guida di un quanto mai impalpabile Movimento cinque stelle. Un tracollo che sembra l’ovvio coronamento di una rincorsa a perdere, quella inscenata da un centrodestra presentatosi all’appuntamento con le urne in ordine sparso con una moltitudine di liste e sigle impegnate, invece che in una campagna agguerrita contro un avversario di per sé temibile, in una desolante resa dei conti da fratelli coltelli, nel nome di un personalismo dilagante: un personalismo che ha spento sul nascere qualsiasi anelito alla militanza e alla politica partecipata. Una campagna il cui spirito tutt’altro che pugnace è testimoniato dai voti della lista Forza Cagliari, un tempo protagonista della vita politica cittadina e oggi ridotta a un disastroso 8 per cento. Alla debacle non sembrano sottrarsi nemmeno i partiti più radicati nel territorio e meno invischiati nelle dinamiche nazionali deludente  e non sembrano avere troppi motivi per esultare i movimenti a chiara caratura nazionale con la sola eccezione del Partito democratico, peraltro incapace di sfondare il muro del 20 per cento dei consensi.

A fronte del risultato inequivocabile di Cagliari, il dopo voto nel continente non sembra marcare una chiara linea di tendenza, imponendo al contrario dati discordanti e situazioni differenti. Così a Torino si va al ballottaggio tra il sindaco uscente Pd Fassino e la candidata dei cinque stelle Appendino, a Bologna tra l’uscente Merola di area Pd e l’azzurra Borgonzoni, mentre a Napoli sembra prossima la riconferma dell’uscente De Magistris. A Trieste invece netto vantaggio del candidato di centrodestra Di Piazza, che si presenta al secondo turno forte di oltre il 40 per cento dei consensi. Situazione quanto mai in bilico a Milano, dove si registra un sostanziale pari tra centrodestra e centrosinistra.

Ovunque, tuttavia, il Partito democratico di Renzi non sembra in grado di “sfondare” come nelle previsioni della vigilia, ma limitarsi a raccogliere senza sforzo i frutti dell’implosione del centrodestra, avviluppato nel declino di Forza Italia. La fine del centrodestra secondo lo schema degli ultimi 20 anni è scolpita a caratteri macroscopici nell’esito della contesa di Roma, ridotta per le prossime due settimane al duello tra la pentastellata Virginia Raggi e il renziano Roberto Giachetti: una sfida che è il brillante risultato della lotta senza esclusione di colpi tra Alfio Marchini e Giorgia Meloni, impegnati a contendersi i favori dell’elettorato di centrodestra. Un elettorato che sarà quasi del tutto privo di rappresentanti nella prossima Assemblea capitolina. Un vero capolavoro.

Potrebbe interessarti

blank

ASSORMEGGI Italia incontra gli associati della Campania

Assormeggi Italia – Associazione Imprese per la Nautica da Diporto, a partire da mercoledì 15 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *