Assessore Granito Corricella
Assessore Granito Corricella

Enogastronomia: Il Made in Procida raccoglie sempre più consensi

PROCIDA – Nei giorni scorsi il borgo dei pescatori di Corricella, oramai consacrata location di interesse internazionale che, con la sua architettura e i suoi colori, solo per fare qualche esempio, ha stregato colossi quali Apple e Microsoft, ha ospitato il noto chef Jamie Oliver impegnato nella realizzazione di una nuova puntata della sua seguitissima trasmissione televisiva “Jamie’s Great Italian Escape”.

«Ha scelto l’isola di Procida – dice l’assessore alla cultura ed eventi Nico Granito che, insieme al delegato al turismo Giovanni Scotto di Carlo, ha seguito da vicino l’evento – per celebrare la tradizione gastronomica Campana e cucinare il pescato del giorno insieme ai pescatori del Borgo.

Si tratta del suo ultimo format tv che lo vede in giro per l’Italia, spesso in compagnia del suo socio e mentore il famoso cuoco napoletano che lo ha instradato in questo mondo Gennaro Contaldo.

Il fine del suo grand tour italiano è quello di scoprire le ricette antiche e tradizionali della nostra cultura che stanno per scomparire ma che grazie a nonne, massaie e persone semplici resistono all’estinzione. E qui subentra Procida, che col presepe vivente a Corricella, e persone a cui l’isola è viva nel cuore, riesce a fare in modo che Jamie la scelga per il suo prestigioso programma. Infatti J. Oliver se la studia, la trova interessante, autentica, con una identità culturale, anche gastronomica, interessante e quindi meritevole di essere raccontata alla sua maniera. Parte la sua ricerca di ricette storiche e di personaggi in grado di poterle presentare seguendo i saggi dettami della tradizione e quindi protagonisti i pescatori e la pescatrice, le donne/massaie sia di Chiaiolella che di Corricella.

Il tutto – continua l’assessore Granito – presentato in un allestimento scenograficamente molto semplice e suggestivo in un clima di autentica riservatezza con un trionfo di prodotti tipici del nostro mare e della nostra terra tra cui, ovviamente, il pesce azzurro e il limone.

Alici “arracanate”, alici “agghiuottolo”, pesci freschi all’acqua pazza, lasagne ai frutti di mare, polpette di alici, pasta alle alici con limone, grigliata di calamari e canocchie con insalata di limoni come contorno, zuppa di pesce povero, piatti preparati al momento con Jamie Oliver e Gennaro Contaldo che interagiscono con i sapienti cuochi e cuoche della nostra tradizione cercando di carpirne i segreti dati dal fascino antico di quelle ricette.

Alla fine le due special guest si sono cimentate in una ricetta inventata da loro che interpreta quello che hanno visto con un pizzico di creatività. Non poteva mancare, inoltre, una puntatina a casa di una massaia dell’isola per assistere alla preparazione del famoso coniglio alla procidana.

Tutto si è svolto in grande armonia, come in una famiglia collaudata, e l’immagine di Procida che viene fuori è quella di un’isola dove si mangia bene, un’isola incantevole che vale la pena conoscere.

Questo è lo stesso spirito che, non a caso, l’assessorato partecipato cultura e turismo, che mi vede impegnato insieme all’amico Giovanni Scotto di Carlo, intende portare avanti per la programmazione di questo 2017 e del prossimo futuro: “Procida Food Contest” si chiamerà e sarà caratterizzato da eventi semplici che indurranno i visitatori ad approfondire la conoscenza dei prodotti sulle tavole dei vari ristoranti senza distorcere il nostro “Made in Procida” che, ormai, inizia a caratterizzarci nel mondo intero.

Ritornando programma di Oliver e Contaldo – conclude l’assessore Nico Granito – andrà in onda tra qualche mese in esclusiva su “Channel 4” e, poi, visto in cento paesi nel mondo e comprato dalle più grandi emittenti mondiali. Insomma una bella vetrina per un’isola che non è più la cenerentola del Golfo di Napoli ma una perla del Mediterraneo sempre più da scoprire».

Potrebbe interessarti

Anche Confidustria si è accorta dell’Italia marittima. Il rapporto “Progetto mare”

di Nicola Silenti La competitività dell’economia del mare in una prospettiva di sviluppo del Paese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.