Home > disagi > Federconsumatori e “L’ isola che non isola” presentano note integrative al processo contro Caremar

Federconsumatori e “L’ isola che non isola” presentano note integrative al processo contro Caremar

PROCIDA – Dopo il presidio organizzato lo scorso 17 luglio dinanzi al Tribunale civile di Napoli a sostegno dell’azione presentata contro Caremar S.p.a, nei giorni scorsi la Federconsumatori Campania, unitamente all’associazione procidana “L’isola che non isola”, tramite gli avvocati Felice Petillo e Mara Di Carluccio, ha depositato le note integrative nell’ambito dell’azione legale promossa presso il Tribunale di Napoli XIII Sezione Civile, a tutela dei diritti dei disabili, nei confronti della società di navigazione che opera nel Golfo di Napoli e che collega il Continente con le isole di Capri, Ischia e Procida.

«Abbiamo intrapreso questo percorso – dice Giuseppe Giaquinto, coordinatore del Tribunale dei diritti del Malato di Procida – per assicurare un trasporto dignitoso ed adeguato per i cittadini disabili e tutti quelli con momentanee difficoltà deambulatorie. Una vertenza storica portata avanti con determinazione e coraggio. Nell’ attesa dell’imminente sentenza ci affidiamo alla serena valutazione e alla particolare sensibilità mostrata dal giudice per scrivere nella nostra Regione, e non solo, una bella pagina di civiltà, di rispetto per i diritti degli individui, di integrazione sociale ed umana».

Il fine dell’azione legale, sottolinea la Federconsumatori Napoli: “è quello di ottenere l’ammodernamento del naviglio secondo la normativa vigente nazionale ed europea per rendere accessibili tutte le navi a persone con mobilità ridotta. Nessun risultato è stato ottenuto in passato ai tavoli di concertazione presso la Regione, pertanto, si è ritenuto necessario procedere attraverso le vie legali in un processo che, ricordiamo, non ha precedenti giurisprudenziali.

La realizzazione di ascensori e di posti riservati a persone con mobilità ridotta – continua la nota della Federconsumatori – è fondamentale per permettere tutti i cittadini, senza discriminazioni, di raggiungere la terraferma ed è inaccettabile che, da oltre dieci anni, la normativa posta a loro tutela venga totalmente ignorata dalle compagnie di navigazione».

Sulla questione il presidente della Federconsumatori Napoli, Rosario Stornaiuolo sottolinea: «Non si tratta esclusivamente di garantire il diritto al trasporto ma è una battaglia volta alla tutela della dignità delle persone che, già quotidianamente, devono affrontare difficoltà e problemi anche a causa della presenza di barriere architettoniche».

Potrebbe interessarti

DISPOSIZIONI CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE – MODALITÀ DI APERTURA FINO AL 30 SETTEMBRE

PROCIDA – Il Comune informa che i giorni e gli orari di apertura del Centro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *