Home > Ambiente > Prima Gara di Pesca al Rifiuto domenica 2 luglio 2017 a Marina Chiaiolella

Prima Gara di Pesca al Rifiuto domenica 2 luglio 2017 a Marina Chiaiolella

PROCIDA – (c.s.) Tutti sono inviatati alla Prima Edizione della Pesca al Rifiuto di Procida. Piccoli e grandi, singoli o associati da zero a 99 anni. Si potrà partecipare in costume da bagno e salvagente oppure in gozzo, materassino, gommone, canoa, kajak, pattino, tavola da surf e quanto altro può servire a solcare il nostro mare. Scopo della gara è raccogliere dall’acqua e/o dalle scogliere, rocce e/o dalle coste e comunque dai luoghi accessibili unicamente dal mare, quanti più rifiuti è possibile.
Sarà possibile iscriversi alla gara la mattina di domenica 2 luglio fino all’inizio della competizione, previsto per le 8.00, dopo una leggera colazione.
Fino alle 11.00 si potrà andare a caccia di rifiuti nel mare che circonda Procida e Vivara, ad esclusione delle aree interdette dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”.
Al termine verrà pesato il pescato ed attribuiti premi alle categorie: “Plastica e materiali derivati” (al partecipante che avrà pescato il quantitativo maggiore di rifiuti in materiale plastico), “Materiali non plastici” (per il maggior quantitativo di materiali pescati di origine non plastica) ed “Elemento più ostile per l’ambiente marino” (al partecipante che avrà pescato il rifiuto ritenuto più ostile per l’ambiente marino secondo il giudizio tecnico di una commissione di esperti).
Tutti i partecipanti riceveranno la shopper in tessuto realizzata con Oceanus ed AMP “Regno di Nettuno” apposta per Procida nell’ambito della campagna “No more plastic bags”.
Appuntamento alle ore 7.30 a Marina Chiaiolella…  Non mancate!!
Comune di Procida – Oceanus Onlus – AMP “Regno di Nettuno”

Potrebbe interessarti

Migranti Procida: Il referendum s’ha da fare

di Geppino Pugliese PROCIDA – Ci sono svariati argomenti da apporre per suffragare tale tesi, …

Un commento

  1. Questa lodevole iniziativa, ispirata a tante altre consimili,
    addirittura indette sul suolo indiano,
    qualifica e personalizza il popolo isolano e rieduca
    le locali giovani generazioni, al vivere civile ed alla cultura
    del ” fai da te ecologico “.
    Non dobbiamo attenderci ogni tipo d’assistenza igienica dal comune …
    come dalla regione Campania se,
    noi cittadini e commercianti utilizziamo il sacro suolo
    per ogni tipo d’escremento !
    Gli animali coprono col terreno e saggiamente, ogni proprio bisogno …
    da parte nostra dovremmo dare cattivo esempio ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *