Giunge in Senato la questione relativa alla moria di pini a Ischia

di Gennaro Savio

ISCHIA – Diventa un caso nazionale l’anomala moria di pini che da tempo si sta verificando nel centro storico del Comune di Ischia e per la quale ancora non è stato fatto nulla da parte delle Istituzioni deputate alla salvaguardia del verde pubblico. Infatti dopo il dettagliato esposto inviato dai dirigenti del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista al Sindaco e al Dirigente dell’Ufficio Tecnico         del Comune di Ischia,  al Ministro dell’Ambiente, al Presidente della Regione Campania, all’Assessore regionale all’Ambiente, al Comandante provinciale del Corpo Forestale di Napoli e al Prefetto, in questi giorni in Senato è stata presentata un’Interrogazione parlamentare. A presentare l’Interrogazione  al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare sono stati i Senatori Peppe De Cristofaro e Loredana De Pretis di SEL. “Premesso che, per quanto risulta agli interroganti – si legge tra l’altro nell’atto parlamentare – nel centro storico del comune di Ischia si verifica da mesi una drammatica moria di pini, con alberi morti o gravemente malati, rami pericolanti e pigne a rischio di crollo, lungo le strade e le pinete pubbliche; è probabile – spiegano gli interroganti – che la moria di pini sia dovuta all’attacco di insetti o parassiti, di cui va immediatamente accertata la specie, onde evitare il contagio infinito con altri alberi del territorio, come avvenuto negli ultimi anni in più di un’occasione. Si ricordano, ad esempio, i casi delle palme nella costa laziale e degli ulivi in Puglia; nonostante le numerose segnalazioni da parte di cittadini ed associazioni tra cui si rileva anche un esposto inviato per conoscenza al Ministro in indirizzo – sottolineano De Cristofaro e De Pretis -, il Comune di Ischia non risulta essere ancora intervenuto per individuare le cause della morte degli alberi e le possibili soluzioni, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo non intenda intervenire urgentemente per fronteggiare la moria di pini verificatasi negli ultimi mesi nel centro storico di Ischia, individuando gli eventuali insetti o i parassiti che ne provocano la morte e se non intenda sollecitare, nell’ambito delle proprie attribuzioni, l’immediata rimozione lungo le strade e nelle pinete pubbliche dei rami pericolanti e delle centinaia di pigne a rischio di crollo presenti sui pini secchi o moribondi, che potrebbero mettere a repentaglio la pubblica incolumità e causare incidenti automobilistici, lungo le arterie stradali del centro storico”. Sin qui parte del testo della dettagliata interrogazione parlamentare. L’augurio, naturalmente, è che si intervenga immediatamente per fronteggiare l’anomala moria di pini.

Potrebbe interessarti

CORONAVIRUS, IL PCIM-L CHIEDE L’IMMEDIATO INTERVENTO DEI SINDACI A DIFESA DELLE POPOLAZIONI ISOLANE CON L’ADOZIONE DI CONCRETE INIZIATIVE DI PREVENZIONE

di Gennaro Savio  Due morti, trentanove contagiati in Lombardia, nell’area del lodigiano, e undici in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *