Home > Il gruppo consiliare "Insieme per Procida" interroga il Comune sui rimborsi IVA indebitamente incassata con la TIA

Il gruppo consiliare "Insieme per Procida" interroga il Comune sui rimborsi IVA indebitamente incassata con la TIA

In un articolo a firma di Salvatore Iovine del 12 marzo scrivevamo che finalmente  è stata fatta chiarezza. Su cosa? Ebbene con la sentenza numero 3756 di Venerdì 9 marzo 2012 la Corte di Cassazione ha messo la parola fine all’IVA sulla tariffa rifiuti, asserendo chiaramente che non deve essere assoggettata a IVA, essendo un’entrata tributaria che, in quanto tale, non può mai costituire il corrispettivo di un servizio reso.

E’ di oggi l’interrogazione a risposta orale del gruppo “Insieme per Procida” in merito ai rimborsi dell’IVA indebitamente incassata con la TIA. Leggiamo di seguito..

Cnsiderato che la Corte Costituzionale con la sentenza n.238 del 2009 ha stabilito che la Tariffa Rifiuti è un tributo non assoggettabile all’IVA;

tenuto conto che la Corte di Cassazione, con la sentenza 3756/2012, ha rilanciato il problema confermando il diritto dei cittadini ad ottenere i rimborsi di quanto indebitamente pagato;

si INTERROGA per conoscere

se l’Amministrazione intende eliminare l’IVA dalla TIA per l’anno 2012;

in che modo intende comportarsi nei confronti dei cittadini che chiederanno il rimborso dell’IVA indebitamente versata negli anni precedenti.

Procida, 15/03/2012.

Gruppo Insieme per Procida

Chiarezza è fatta:

Potrebbe interessarti

Raccolta Rifiuti Inerti: 4 maggio al Centro di Raccolta Comunale

PROCIDA – Venerdì 4 maggio p.v. dalle ore 8.30 alle ore 11.30 saranno raccolti rifiuti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *