Home > Il Sindaco di Procida: “In una situazione tanto bloccata non si poteva obiettivamente incidere di più.”

Il Sindaco di Procida: “In una situazione tanto bloccata non si poteva obiettivamente incidere di più.”

capezzuto-canditato-a-sindaco.jpgSeduta dedicata alla’approvazione del Bilancio di Previsione quella del 16 luglio scorso, che poi stante i termini, è quasi un consuntivo. Nella sua relazione di presentazione dell’atto il Sindaco Vincenzo Capezzuto, ha sottolineato come: “Già nella esposizione delle risultanze del conto consuntivo 2009 abbiamo avuto modo di evidenziare l’impegno posto in essere dall’Amministrazione per il superamento delle difficoltà per la carenza di liquidità, per il riequilibrio strutturale dei conti dell’Ente e per il rientro nei parametri imposti dai vincoli del Patto di Stabilità Interno. Il Bilancio di Previsione 2010 conferma queste scelte dell’Amministrazione. Si è provveduto a rivedere i costi di alcuni servizi, migliorandone la qualità (ad esempio, mensa scolastica, igiene pubblica ed immagine del paese, pulizia spiagge) anche se questo ha dovuto significare la riduzione di diverse unità lavorative e qualche sacrificio da parte degli utenti, sempre salvaguardando le fasce deboli. Per il servizio mensa scolastica si è provveduto ad una preventiva consultazione con le categorie interessate, sviluppando reale confronto con i cittadini nell’ambito di una concreta attuazione di forme di partecipazione democratica.
Avevamo sperato che le misure contenute nella manovra finanziaria e le relative modifiche in corso di approvazione in sede parlamentare fossero definite in tempo da essere inserite, per la parte di competenza, anche in questa previsione contabile. L’Amministrazione recepirà certamente nei termini di legge del 30 settembre le opportunità di cui si parla che saranno offerte dalla manovra finanziaria, dall’attuazione del federalismo fiscale e demaniale, per quanto di competenza nell’annualità, e magari dall’alleggerimento delle limitazioni e dei tagli previsti per i contributi statali in vigore per i tanti Enti locali i cui parametri non rientrano in quelli fissati dal patto di stabilità. Ciò, ci auguriamo possa portare a sostituire in tutto o in parte le entrate straordinarie attualmente previste a pareggio e possa apportare la necessaria liquidità corrente e migliori la gestione finanziaria.
Di fronte a dati di entrate ed uscite non modificabili nell’attuale situazione, al di là di ogni scelta politica e qualunque fosse stata l’Amministrazione in carica, la situazione non poteva essere modificata in nessun altro modo, oltre a ciò che questa Amministrazione ha posto in essere, salvaguardando e migliorando contestualmente i servizi resi e da rendere.
Come è a vostra conoscenza le spese a carico del Comune sono state previste in Bilancio con una riduzione di 630 mila Euro rispetto agli impegni dal Conto Consuntivo 2009 e di ben 1,415 milioni di Euro, il 15% rispetto alla previsione 2009 (realmente circa il 30% se si considera che è riferibile a metà annualità). Le entrate di competenza sono aumentate di 167 mila Euro, in gran parte da lotta all’evasione tra cui quella riguardante l’ICI, in attesa di nuove misure di fiscalità locale e diverse opportunità d’intervento, pur in presenza e a compensazione dei tagli previsti del contributo statale.
In una situazione tanto bloccata non si poteva obiettivamente incidere di più.
E il trend di rettifica della situazione finanziaria è evidenziato dall’importo del minor disavanzo strutturale da coprire con entrate straordinarie (che speriamo provvisorie, per essere in grado di ridurle o eliminarle se possibile entro settembre) per il 2010 previsto in 2,1 milioni di Euro a fronte dei 2,9 dell’anno precedente. Nei 2,1 milioni di Euro è compreso anche un importo si 141 mila Euro per “fondo svalutazione crediti” che in aggiunta all’Avanzo di Amministrazione al 31.12.2009 per circa 845 mila Euro finalizzato a fronteggiare eventuali maggiori future risultanze passive o debiti fuori bilancio da contenziosi in atto e facendo seguito alla revisione dei residui pregressi, attivi e passivi avvenuta, assommano a molto più di 3 milioni di Euro utilizzati o disponibili per un recupero di situazioni pregresse.
Questo è il senso delle misure contenute nella nostra manovra finanziaria tesa a portare gradualmente in pareggio il Bilancio nel minor tempo possibile, senza più ricorso ad entrate straordinarie, ma finalizzandole in futuro a nuove opportunità di sviluppo socio-economiche.
Colgo l’occasione per ringraziare quanti collaborano a titolo volontario e gratuito a risolvere alcune problematiche del territorio (in questo periodo, specie quelle relative all’igiene urbana e all’immagine dell’isola, per l’intrattenimento estivo, per la promozione delle tradizioni e dei prodotti dell’isola) e l’ASCOM per la collaborazione offerta. Mi auguro che queste forme di partecipazione attiva possano svilupparsi sempre più in tutti i campi socio-economici nell’interesse collettivo, facendo fronte anche con l’impegno personale a quelle esigenze a cui il Comune ha difficoltà a provvedere per la limitatezza dei mezzi finanziari di cui dispone
Il Bilancio di Previsione non comprende, ovviamente, solo spese ed entrate correnti, ma anche investimenti per opere strutturali e contributi da parte di altri Enti per iniziative sociali e di promozione culturale ed economica.
Come è possibile evincere dal “piano delle opere pubbliche” sottoposto all’approvazione del Consiglio, questa Amministrazione, nell’annualità 2010 intende prioritariamente realizzare le opere per le quali sono già disponibili i finanziamenti. Si tratta di lavori molto importanti, in gran parte già contrattualizzati, che riguardano il consolidamento dei costoni di Ciraccio/Ciracciello e Pizzaco, nonché la straordinaria manutenzione della rete stradale dell’isola.
Nell’anno in corso sono previste, inoltre, opere di consolidamento e ampliamento del Cimitero, la costruzione della piscina comunale in Via Salette, la realizzazione dell’isola ecologica e le opere di manutenzione e ripristino della sala Pio XII del Santuario di S. Giuseppe e dei locali annessi, il tutto utilizzando gli appositi finanziamenti in corso di perfezionamento da parte della Regione e della Provincia per complessivi 7,9 milioni di Euro.”
Il documento di Bilancio di Previsione del 2010 è stato approvato con 13 voti favorevoli e 7 contrari.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *