Home > racconti > Incantata da tanta bellezza

Incantata da tanta bellezza

Di Annarosaria Meglio

PROCIDA – Cammino lungo le strade della mia isola e noto sui davanzali e balconi tanti fiori: gerani, margherite, rose. Colori e profumi mi inondano mettendomi tanta allegria.  Prendo poi una stradina che porta a Solchiaro, dove abita la mia amica   Maria. Nell’aria un profumo intenso di zagare: è il profumo che senti al mattino quando, appena si alza il sole, metti la testa fuori. Un profumo che ti avvolge e ti porta gioia e felicità. Mi avvicino ad una distesa di terra scorgo papaveri rossi e fiori di campi di ogni tinta. Che bello! Quanti colori! Un piccolo paradiso! Non riesco più ad andare avanti. Siedo su un muretto per assaporare quell’aria fresca e pura e ammirare l” orizzonte del mare che mi sta di fronte. Sono intimamente affascinata da queste meraviglie che Dio ci ha donato. Il mio sguardo è catturato da un mucchio di sassi dal quale sbuca un rametto di rosmarino: Sostenuto dai sassi cerca di tendere in alto. Tutto serve, niente è inutile, anche i sassi servono. Alzo gli occhi al cielo e vedo che le rondini volano felici, gli uccelli cinguettano tra gli alberi e le farfalle multicolori baciano ogni fiore. Incantata da tanta bellezza, quasi dimenticavo il motivo per cui mi sono messa in cammino. Mi alzo e, a passo svelto, mi avvio verso la casa di Maria prima che scenda la sera. A pochi passi dal cancello, il cane annuncia il mio arrivo abbaiando. Maria mi viene incontro, pensavo che giungessi nel primo pomeriggio….hai ragione. Sono uscita di casa dopo pranzo ma, alla svolta di Solchiaro, non ho resistito: quel prato verde meraviglioso, i profumi, gli uccelli…… Hai fatto bene, mi dice Maria, ora ci godiamo insieme il tramonto. Sediamo sulla terrazza che guarda la piccola baia della Chiaiolella, parlando del più e del meno, mentre i figli mi offrono un’aranciata.  La piccola Sara mi dice: Sono le ultime arance del nostro albero, perciò sono cosi dolci. Grazie, le rispondo, dolcissima sei anche tu. Mi sorride, poi raggiunge i fratelli. Che belli i tuoi figli, dico a Maria che guarda il sole. L’enorme cerchio arancio si sta tuffando nel mare azzurro.  Che spettacolo! dice Maria. Assento con un leggero movimento del capo e, nel silenzio, cerco di non perdere quell’attimo di eternità nel quale il sole ci saluta.

Potrebbe interessarti

Venerdì 21 settembre lo storico crocifisso di Sent’cò ritorna al suo posto dopo il restauro

PROCIDA – Venerdì 21 settembre alle ore 18,00 presso la chiesa di Maria SS della …

Un commento

  1. Dott. Anna Rosaria, questo componimento, in onore d’altra incantevole località ove nel passato
    sono stata docente in attesa di ruolo, stranamente e particolarmente aderente ai vostri attuali sentimenti,
    vi riproduco tal quale :
    ALASSIO 1975……….di pierarotella@libero.it
    GLI ODORI…DI PRIMO MATTINO, QUANDO ANCORA ALCUNI BOCCIOLI STENTANO AD APRIRSI
    E L’ARIA E’ TERSA E FRIZZANTE, MENTRE INONDA DI SE, CON LACRIME DI BRINA I VIALI
    INGOMBRI DI FOGLIAME…GLI ODORI…DICEVO…MI RAPIVANO…MENTRE, ANCORA INTONTITA, RISVEGLIAVANO I MIEI SENSI…I MIEI SENTIMENTI,
    CON LE NARICI CHE MI SI DILATAVANO SENZA ALCUNO SFORZO…E SOSTAVO, LUNGO IL PERCORSO… SOSTAVO…PER RACCOGLIERNE LA FRAGRANZA… DISTINGUERNE LA PROVENIENZA ….
    OGNI PRIMO MATTINO, ERA UN RISVEGLIO DA UN LUNGO, INESPRIMIBILE SONNO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *