Home > politica > Insieme in Movimento: Respingiamo al mittente le accuse di irresponsabilità

Insieme in Movimento: Respingiamo al mittente le accuse di irresponsabilità

PROCIDA – (c.s.) Il 13 Agosto, In un caldo pomeriggio d’estate in giornate in cui la maggior parte delle persone si dedicano a godersi le meritate ferie tra mare e sole, il c.c. di Procida in nome della responsabilità di scongiurare il dissesto, completava con l’ultimo atto deliberativo un operazione scellerata avviata sin dal 2003, riconosciuta tale dallo stesso Sindaco Ambrosino.

Riteniamo come gruppo di insieme in movimento che la questione porto turistico sia stata trattata in maniera troppo superficiale e poco incisiva, ci chiediamo infatti come sia stato possibile perdere in maniera quasi imbarazzante il 24% delle quote societarie del marina di Procida, fidandosi della parola di un soggetto che già si era dimostrato in più occasioni, di scarsa affidabilità, senza predisporre nessun atto formale tra Comune e Socio privato che potesse garantire e tutelare la comunità procidana.

Va ricordato che secondo la deliberazione consiliare di ieri la vendita della partecipazione del 25% dovrebbe portare nelle casse comunali circa tre milioni di euro.

Pertanto ci chiediamo quale amministratore responsabile non avrebbe fatto salti mortali per investire circa  170.000,00 necessari al recupero del restante 24% del pacchetto azionario, che subito dopo si sarebbero trasformati in 2800000,00, 

Far passare la vendita del porto come sacrificio per scongiurare il dissesto finanziario, e’ un offesa all intelligenza umana, tante’ che la vendita delle quote del Marina di Procida non erano previste nel nuovo piano di riequilibrio finanziario predisposto da questa amministrazione.

Per onore della verità va detto che la massa debitoria gravante sul   comune di Procida e’di circa 24.000.000,00 euro ai quali pur sottraendo i 3.000.000,00 di euro ricavati dalla cessione totale del porto, fanno rimanere sul groppone 21.000.000,0. E palese che nonostante continuiamo a vendere il futuro dei nostri figli la situazione economica del nostro comune resta pressoché invariata.

Riteniamo come gruppo di insieme in movimento che le risorse necessarie a scongiurare il dissesto dovevano essere ricavate dalla vendita di altri beni meno strategici e produttivi attraverso l’istituzione più volte proposta di uno sportello informativo concentrato unicamente al conseguimento di tale obbiettivo, o investendo politicamente ed economicamente su assett strategici come il turismo capaci di riportare ricadute economicamente positive per il territorio procidano e di conseguenza per le casse dell’ente, senza dimenticare che da più di un anno il rilascio delle pratiche di condono ha subito una battuta d’arresto comportando mancati introiti di vitale importanza per gli equilibri di bilancio.

Riteniamo in conclusione che le azioni messe in campo, producano semplicemente il rinvio di un dissesto inevitabile, scaricandolo sulle future gestioni amministrative. Tali scelte risultano essere palliativi che non lasciano intravedere speranze di ripresa strutturale. In tal caso sarebbe stato forse più responsabile dichiarare dissesto sin da principio.

Respingiamo dunque al mittente le accuse di irresponsabilità, consapevoli di aver profuso sino ad oggi il massimo impegno con enormi sacrifici, lavorando con lealtà e coerenza a servizio delle idee e dei propositi condivisi con i cittadini che oggi vediamo con rammarico e delusione completamente disattesi.

Continueremo a dare voce e forza a quei cittadini che avevano riposto speranze di cambiamento in un progetto innovativo che oggi ci sembra essere sostanzialmente naufragato.

Barty Scotto di Perta, Giovanni Scotto di Carlo, Carlo Massa

Potrebbe interessarti

Le Stagioni dell’amore e del cuore

di Anna Rosaria Meglio Nella vita quante sono le stagioni dell’amore e del cuore? E’ …

Un commento

  1. I 3 milioni di euro ipotizzati per la cessione del 25%, è PURA FANTASIA. oggi,come oggi, non vale un ” fico secco “….
    Basta un altro aumento di capitale, e Procida rimana al palo.
    L’inazione del Comune per recuperare il già perso 24% , è frutto dell’accordo tra Marconi e il Sindaco per la nomina a Presidente di E. Michelino. Se così non fosse perchè quest’ultimo non si è aggiunto a questi tre moschettieri….che andavano in cerca di maggiori gratificazioni ma sono rimasti a bocca asciutta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *