Home > Eventi > INTITOLATO AL GIORNALISTA DOMENICO DI MEGLIO LO SLARGO CHE IN VIA QUERCIA DA’ IL “BENVENUTO A ISCHIA”

INTITOLATO AL GIORNALISTA DOMENICO DI MEGLIO LO SLARGO CHE IN VIA QUERCIA DA’ IL “BENVENUTO A ISCHIA”

domenico di megliodi Gennaro Savio

In questi giorni la giunta municipale del Comune di Ischia ha intitolato lo slargo che si trova all’incrocio tra Via Quercia, l’ex Strada Statale 270 e la sopraelevata, al giornalista Domenico Di Meglio, fondatore e Direttore del Quotidiano “Il Golfo” improvvisamente e prematuramente scomparso il 23 marzo del 2009. Giornalista generoso e coraggioso, così come abbiamo già avuto modo di sottolineare in passato, Domenico Di Meglio nella sua vita non ha mai esitato a scontrarsi frontalmente con i rappresentanti del potere dominante, quello politico che disamministra i comuni isolani e quello economico degli sfruttatori legalizzati della nostra Isola, quando c’erano da difendere gli interessi dei più deboli, e in quarant’anni di intensa attività oltre a “Il Golfo”, ha fondato e diretto numerose testate giornalistiche tra cui “Il settimanale d’Ischia, lo Sport Isolano”. Un uomo dichiaratamente di destra – che si definiva un anarchico-comunista-fascista – che nei fatti si è dimostrato un vero  democratico rispetto a tanti falsi moralisti che gironzolano sulla nostra Isola e in Italia avendo creato giornali che oltre ad essergli serviti per combattere le malefatte del potere, hanno rappresentato una tribuna politica che ospitava le posizioni di tutti e, soprattutto, di coloro che non la pensavano come lui mentre i suoi “pepati” Editoriali, “Sussurri&Grida”, davano sempre origine a interessanti e proficui dibattiti. Lo slargo intitolato con estremo ritardo a Domenico, il quale andava perennemente ricordato già negli anni scorsi avendo rappresentato un indispensabile punto di riferimento per gli isolani e la sua Terra a cui era vincolato da un indissolubile legame affettivo, umano e professionale, si trova in un punto centralissimo e simbolico non solo perché dista pochissima distanza dalla casa dove è nato e cresciuto, ma perché per quell’incrocio ogni giorno transitano migliaia e migliaia di residenti e turisti essendo il tratto di strada quotidianamente più percorso dagli automobilisti. E sorge nel punto in cui gli isolani danno il “Benvenuto a Ischia” ai milioni di graditi ospiti che ogni anno scelgono la nostra Isola per trascorrevi le proprie vacanze e dove da qualche anno è stato allestito un parco-giochi per i bambini, quei bambini che spesso sono stati al centro della battaglie giornalistiche condotte da Domenico Di Meglio. “Il riconoscimento che Giosi Ferrandino e la sua giunta hanno sancito oggi alla memoria di mio padre– ha dichiarato Gaetano Di Meglio – ci piace pensare che non sia stato un atto dovuto, bensì un atto sentito. Parlando non soltanto a titolo personale, ma anche di tutti i miei familiari, ci piace pensare che l’intitolazione di una piazza a futura memoria, così come è stato per la morte e per la vita, possa essere il posto dove tanta gente possa ricordarsi sia dei piaceri ricevuti, ma più di ogni altra cosa che l’isola ha avuto tra i suoi figli uno dei pionieri del giornalismo locale italiano, come testimoniano le visite ischitane di diversi giornalisti provenienti da ogni angolo d’Italia che venivano a studiare quel fenomeno generato dal suo giornalismo e dalla sua informazione”. Gaetano Di Meglio, giornalista e Direttore del quotidiano “Il Dispari” ha ricordato che il padre si auspicava la libertà dal bisogno di ogni individuo. “Il luogo che porterà il suo nome dista, peraltro, pochi metri dalla casa materna – ha sottolineato Di Meglio – e oggi è diventato il luogo del “benvenuto ad Ischia”. Penso a quelle giostre che oggi hanno preso il posto del vecchio parcheggio e che sono quasi metafora di quel messaggio di filosofia che mio padre portava nella sua filosofia di vita: Libertà dal bisogno. Una massima, questa, che lo caratterizzava e che oggi, certo di interpretare anche il pensiero dei fratelli Luciano e Giacomo, di mia madre e mia sorella, Angela e Rita, affidiamo ai sorrisi dei bambini che giocano e giocheranno su quelle giostre. Che loro siano sempre liberi dal bisogno.”

Potrebbe interessarti

Guardia Costiera Ischia: I controlli continueranno anche a Settembre

(c.s.) Quella appena trascorsa è stata l’ultima settimana di agosto in cui non sono mancati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *