ISCHIA: SOCCORSO IN MARE AD IMBARCAZIONI DA DIPORTO

ISCHIA – Nella serata del 12 agosto, a causa del repentino cambiamento delle condizioni meteomarine, con forti raffiche di vento ed intensa pioggia, sono giunte numerose richieste di soccorso sul numero 1530 di Emergenza in mare della Direzione marittima di Napoli da parte di unità da diporto in difficolta.

Riscontrato il peggioramento delle condizioni meteo-marine in zona, la Guardia Costiera di Ischia, in coordinamento con la Sala Operativa della Direzione marittima di Napoli, ha disposto l’immediato intervento dell’unità SAR CP 807 al fine di eseguire diversi interventi ad unità in difficoltà.

Fra le principali attività di soccorso si segnala l’intervento eseguito nella Baia di San Montano ad un’imbarcazione a vela di circa 35 piedi con 4 persone a bordo con difficoltà di manovra ed ancora incagliata. Messa in sicurezza l’unità, la motovedetta SAR CP 807 ha diretto per Ischia ponte, dove un’imbarcazione a vela di circa 40 piedi, in balia del mare e del vento, stava scarrocciando sugli scogli della Baia di Cartaromana. Nel frattempo, via terra è stata inviata anche una pattuglia per prestare la prima assistenza ai diportisti dell’unità a vela. L’unità è stata messa in sicurezza grazie all’abilità dello skipper ed al tempestivo intervento della Motovedetta. L’imbarcazione è stata, anche, assistita durante le operazioni di rientro nel porto di Ischia.

Il dispositivo messo in atto dal Corpo della Capitanerie di Porto – Guardia Costiera costituisce la massima espressione dell’espletamento dei compiti di Ricerca e Soccorso (SAR) volto alla tutela e alla salvaguardia della vita umana in mare. Si raccomanda a tutti gli utenti del mare prima di intraprendere qualsiasi navigazione di effettuare un controllo preventivo delle condizioni meteo marine e una verifica delle dotazioni di sicurezza presenti a bordo, così da non incorrere in situazioni di potenziale pericolo.

Potrebbe interessarti

In arrivo fondi per i docenti di sedi scolastiche in località disagiate

PROCIDA – Con decreto del Ministro dell’Istruzione dello scorso 15 marzo 2022, avente ad oggetto: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.