nicola lamonica e1437542254414
nicola lamonica e1437542254414

Navigare in sicurezza

di Cesare FERRANDINO e  Nicola LAMONICA

Si stanno verificando con una certa frequenza nel Golfo di Napoli preoccupanti situazioni della sicurezza della navigazione e della vita umana in mare. Accade infatti – come è possibile verificare dal confronto con i bollettini meteomarini e le partenze – che  molti Comandanti delle  navi Ro-Ro pax (traghetti) e HSC (aliscafi)  nonostante le condizioni meteo avverse partono non rispettando i limiti operativi della nave a loro comando.

Si ricorda che le navi Ro-Ro pax e HSC hanno una restrizione operativa imposte all’unità navale ai sensi della Regola V/23  della SOLAS che indica per ogni nave un altezza massima di onda significativa (Stockolm Agreement); e, in aggiunta, che il Safety Management System (SMS) permette alla Società di Navigazione di operare in ottemperanza alla propria politica di sicurezza e protezione dell’ambiente nel rispetto dell ‘ISM, adottato dall’IMO con risoluzione A.741(18).

Inoltre, i Comandanti delle  Capitanerie di Porto – prima di dare la spedizione di partenza alle navi ai sensi dell’art. 18 del D.lgs. 19 agosto 2005, n.196 e in  attuazione della direttiva 2002/59/CE relativa all’istituzione di un sistema comunitario di monitoraggio e di informazione sul traffico navale – sono chiamati a verificare e  portare all’attenzione dei Comandanti delle navi Ro-Ro pax e HSC il fatto che il servizio meteorologico dell’Aereonautica Militare ha emanato degli avvisi di burrasca in corso e generali avverse condizioni meteorologiche per le aree di mare interessate dalla navigazione e che il comandante della nave ha intenzione di intraprendere. Nello specifico dovrebbero fornire al Comandante della nave una comunicazione scritta in allegato gli avvisi di burrasca, sottolineando che tali condizioni possono essere causa di pericoli per la nave, i passeggeri, il carico e l’ambiente marino.

In più, dovrebbero invitare il Comandante della nave a compiere una dettagliata analisi delle condizioni meteo-marine e delle previsioni raccomandando di valutare con la massima prudenza se sia opportuno intraprendere la navigazione ovvero scegliere di sostare in porto almeno fino a quando non si ristabiliranno le condizioni meteo-marine tali da far cessare il pericolo per le persone e l’ambiente; invitare, altresì, il Comandante ad informare la compagnia delle raccomandazioni dell’Autorità Marittima, ferma restando ogni decisione in materia di navigazione che il Comandante della nave assume, libero da ogni condizionamento connesso a valutazioni estranee alla sicurezza della navigazione, in base al suo giudizio professionale in conformità alla convenzione SOLAS ed alla normativa vigente.

Infine, il Comandante della nave dovrà comunicare per iscritto all’Autorità Marittima i motivi di ogni sua decisione specificando dettagliatamente di aver preso compiuta visione ed approfonditamente analizzato le informazioni meteorologiche fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aereonautica Militare Italiana.

Tutto ciò avviene nel Golfo di Napoli? E, a livello nazionale?

Potrebbe interessarti

menico scala comune

Scala (F.I.): aumentare la sicurezza sul territorio

PROCIDA – Sulle questioni sollevate in questi giorni a seguito di truffe e tentate truffe …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *