Home > procida > Primo fine settimana di agosto: lieve flessione per gli arrivi, crollo delle partenze

Primo fine settimana di agosto: lieve flessione per gli arrivi, crollo delle partenze

PROCIDA –  Dall’analisi dei dati resi noti dall’Ufficio Circondariale Marittimo per quanto riguarda imbarchi/sbarchi dall’isola di Procida avvenuti durante il primo weekend di agosto appena trascorso, in concomitanza, tra l’altro con la tradizionale “Sagra del Mare ed elezione della Graziella 2018” si rileva, per quanto riguarda gli arrivi una leggera flessione rispetto al 2017 mentre in netta diminuzione risultano le partenze. Nel complesso: Anno 2016 arrivi 5950 partenze 3462; Anno 2017 arrivi 8611 partenze 7331; Anno 2018 arrivi 8517 partenze 6347.

«L’Ufficio Circondariale Marittimo di Procida – dice il comandante T.V. (C.P.) Paola Scaramuzzino – ha svolto un attività preventiva relativa alla sicurezza della navigazione e alla sicurezza portuale, garantendo la presenza di militari atti a monitorare attività di imbarco e sbarco che, con l’ausilio degli ormeggiatori, hanno assicurato che le operazioni si svolgessero nella massima sicurezza, evitando così problematiche di pubblica sicurezza».

Numerose, inoltre, le attività poste in essere, durante questo primo weekend di agosto, nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro, dal personale della Guardia Costiera di Procida. Via mare, le dipendenti unità navali, la motovedetta CP 711 e il battello pneumatico, hanno svolto: in primo luogo attività di controllo per l’accertamento dell’ottemperanza dell’ordinanza di sicurezza balneare emessa dal Capo del Circondario, per la quale è bene ricordare che, le aree riservate alla balneazione sono quelle comprese nei 200 mt dalle spiagge e 100 metri dalle coste a picco, non interessate da fenomeni di erosione e quindi da ordinanza di interdizione. In tali aree vi è un divieto assoluto di transito e ancoraggio delle unità da diporto. Molteplici le segnalazioni pervenute in Sala Operativa in tale ambito, con seguente sanzioni amministrative per le unità in infrazione (sanzione minima edittale di euro 229,50 per natanti ed euro 459 per imbarcazioni e navi da diporto).

Intensa l’attività di accertamento e controllo del rispetto del regolamento dell’area marina protetta Regno di Nettuno, approvato con Decreto del Ministero dell’ambiente 30 luglio 2009, per cui, tra l’altro, consente l’ancoraggio con la propria unità in zona B previa autorizzazione rilasciata dall’Ente gestore dell’Area marina Protetta dall’alba al tramonto; non da ultimo le attività di assistenza ad unità da diporto in difficoltà, in particolare, diverse le richieste di assistenza per avarie a motore e organi di governo, che hanno visto l’intervento delle unità navali della Guardia Costiera, per il sopraggiungere di problemi legati alla sicurezza delle persone a bordo.

«Sempre nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro – sottolinea il comandante Scaramuzzino – è stata effettuata, attività di vigilanza a terra presso gli stabilimenti balneari e le spiagge libere dell’isola di Procida, al fine di verificare gli apprestamenti di sicurezza disposti dalla Ordinanza di sicurezza balneare». Si ricorda infine che per l’emergenza in mare è attivo il numero blu 1530 gratuito sul tutto il territorio nazionale ed attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno.

Potrebbe interessarti

Guardia Costiera Ischia, salvataggio barca a vela a largo di Forio

ISCHIA – Nel primo pomeriggio di ieri giungeva alla sala operativa dell’Ufficio Circondariale Marittimo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *