Procida: Sanzioni per oltre 9.000 euro della Guardia Costiera nell’ultimo fine settimana

PROCIDA – Continuano i controlli della Guardia Costiera di Procida, guidata dal T.V. (C.P.) Stefano Cocciolo, che, nell’ambito dell’Operazione Mare Sicuro 2022, condotta sotto il coordinamento della Direzione Marittima della Campania, ha comminato nel weekend appena trascorso, sanzioni amministrative per oltre 9.000 euro, contestando il mancato rispetto delle più basilari norme di convivenza in mare.

L’attività di accertamento dei militari dell’Ufficio Circondariale marittimo ha interessato, in via prioritaria, quei comportamenti potenzialmente pericolosi per la balneazione e per l’ambiente, come ad esempio la navigazione nella fascia di mare riservata alla balneazione, nelle aree interdette a causa degli eventi franosi che sovente interessano il litorale procidano, nonché l’ormeggio nello specchio acqueo ricompreso nella perimetrazione dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno da parte di unità prive della prescritta autorizzazione.

Durante l’ordinaria attività di controllo sul litorale di competenza, è stata poi accertata la presenza di uno scarico non autorizzato che consentiva l’immissione incontrollata in mare di acque di dilavamento. Nei confronti del proprietario della struttura da cui originava lo scarico, adibita a privata abitazione, è stata elevata una sanzione amministrativa di euro 1.000, con obbligo di dare seguito alle incombenze previste dalla vigente normativa al fine di evitare ulteriori conseguenze di natura penale.

L’aumento del numero di arrivi a Procida, che da inizio anno ha visto sbarcare più di mezzo milione di passeggeri, ha reso altresì necessario l’intensificarsi dei controlli nei confronti delle compagnie di navigazione che operano collegamenti da e per l’Isola, nei cui confronti, solo nei giorni scorsi, sono state elevate sanzioni per oltre 5.500 euro, in quanto responsabili di aver imbarcato passeggeri oltre il limite previsto dalla certificazione di sicurezza delle unità.

Nel ribadire che l’attività di vigilanza continuerà senza sosta, si ricorda che è attivo su tutto il territorio nazionale il numero per le emergenze in mare “1530”, ed è possibile consultare il sito istituzionale della Guardia Costiera www.guardiacostiera.it per reperire informazioni e contatti utili in caso di necessità.

Potrebbe interessarti

La Chiesa e la mancanza di vocazioni

Di Giacomo Retaggio Qualche giorno fa mi giunse un messaggio di don Vincenzo Vicidomini, parroco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.