Home > Ambiente > Procida: Accogliamo la primavera con il massimo decoro

Procida: Accogliamo la primavera con il massimo decoro

PROCIDA – Il Sindaco Raimondo Ambrosino e la Consigliera al decoro Sara Esposito, premesso che l’Amministrazione Comunale ha a cuore l’ambiente e il decoro urbano, non risparmiando sforzi ed energie per la loro valorizzazione, invitano la cittadinanza, con l’arrivo della Primavera, ad una piena condivisione e collaborazione per la valorizzazione del territorio comunale. La proprietà privata, infatti è parte integrante del quartiere e del più ampio progetto di riqualificazione che presuppone il contributo di tutti, ciascuno per quanto può e deve fare. Pertanto si chiede a tutti i proprietari di immobili prospicienti la pubblica via a procedere alla cura e al mantenimento del verde e delle opere poste sul confine, come muri, recinzioni, cancelli, portoni, facciate etc., magari anche con piante ornamentali.

«La Vs. partecipazione attiva – si legge in una nota – sarà indispensabile per ridare ai nostri luoghi decoro, bellezza ed autenticità. Resto fiducioso in un fattivo gesto di responsabilità nel senso sopra indicato. L’Amministrazione riserverà sempre un’attenzione costante e continua al quartiere, garantendo presenza ed impegno, perseguendo il rispetto della Legge e l’armonia con i piani ed i regolamenti vigenti sul territorio. Pertanto saranno adottati gli opportuni provvedimenti per i proprietari di aree a verde privato, di piante e siepi, prospicienti il suolo pubblico, che risultino in stato di abbandono con sanzioni amministrative da € 168,00 a € 674,00 al fine di prevenire potenziali situazioni di pericolo o di danno alla salute pubblica, oltre che di pregiudizio all’immagine ed al decoro cittadino».

Potrebbe interessarti

Lavori in via Serra dalle ore 13,30 alle 17,00. Dispositivo temporaneo traffico

PROCIDA – La Polizia Municipale informa che a causa lavori in via Serra dalle ore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *