Procida: Al via i lavori di ristrutturazione nell’Istituto “F. Caracciolo-G. Da Procida”

PROCIDA – Dopo anni di attesa, finalmente, lo scorso 19 marzo, sono stati avviati i lavori di ristrutturazione edilizia degli immobili dell’Istituto “F. Caracciolo-G. Da Procida”, appaltati dalla Città Metropolitana di Napoli, finanziati con oltre 3milioni di euro di fondi del PNRR, che prevedono l’adeguamento impiantistico e normativo e migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio scolastico.

L’intervento, nel dettaglio, consiste nella rimozione e sostituzione dei serramenti esterni a taglio termico, la dotazione di nuovi infissi sulla facciata est anche con l’installazione di pannelli frangisole in grado di aumentare la schermatura dei raggi solari nei mesi più caldi. Non si è ritenuto di intervenire in maniera analoga sulla facciata ovest in quanto già ampiamente schermata da una fitta alberatura. È prevista, poi, la coibentazione della struttura, nonché l’adeguamento dell’impianto termico al piano terra e al primo piano del plesso principale con la posa in opera di nuove tubazioni e il rifacimento della pavimentazione, nonché la tinteggiatura delle pareti interne e delle facciate esterne.

Inoltre, l’Ente di piazza Matteotti, guidato dal sindaco metropolitano Gaetano Manfredi, ha previsto anche il rifacimento e l’ampliamento dell’area destinata ai servizi igienici con la realizzazione di tre bagni per le donne, tre per gli uomini e uno per i diversamente abili con rifacimento dell’impianto elettrico, idrico-sanitario e sostituzione della pavimentazione e dei rivestimenti interni, nonché delle porte. Infine, sarà realizzata una nuova scala esterna in acciaio e un ascensore installato in vano dedicato e senza locale macchina, composto da motore elettrico trifase.

Soddisfatta Ilaria Abagnale, consigliera metropolitana delegata alla Programmazione e all’Edilizia Scolastica: “Finalmente l’isola di Procida avrà un istituto scolastico moderno e sostenibile all’altezza della sua antica e rinomata tradizione marinaresca in grado di offrire agli studenti aule e locali adeguati dove poter costruire, insieme al corpo docente, il loro futuro”.

Soddisfazione è espressa anche dalla dirigente prof.ssa Maria Saletta Longobardo: “Siamo di fronte ad un grosso investimento di fondi europei confluiti nel PNRR con scadenza 2026. Dunque la nostra Comunità Scolastica sarà impegnata a convivere per lungo tempo con i lavori facendo appello allo spirito di adattamento e al rispetto delle indicazioni fornite per garantire che tutto si svolga in sicurezza come previsto dalla normativa. Ovviamente con il supporto dell’assessore ai lavori pubblici dott.ssa Lauro, il comandante dei vigili dott. Martino, dell’Enel sezione di Procida, abbiamo predisposto un piano ingressi anche da via Roma per contenere il numero delle presenze nel vicoletto. Ringraziamo fin d’ora i residenti, il personale e i nostri alunni per la condivisione degli eventuali disagi nella movimentazione del materiale. Insomma, siamo tutti impegnati e fiduciosi: gli spazi sono fondamentali per la didattica e in questi anni abbiamo sofferto tantissimo”.

L’ISS “F. Caracciolo-G. Da Procida”, come si ricorderà, ospita il glorioso “Nautico” (nel 1833 il Re Ferdinando II di Borbone, con Reale Rescritto del 6 aprile fondava la Scuola Nautica Comunale di Procida, successivamente diventata “Regio Istituto Nautico”, oggi Istituto Tecnico Trasporti e Logistica), ma anche il Liceo Scientifico, il Liceo Linguistico e quello delle Scienze Umane. L’istituto, oltre a laboratori allestiti con strumentazioni e tecnologie di ultima generazione è sede, dal 1996, del Museo del Mare nato per esaltare e promuovere le secolari tradizioni marinare dell’isola. Istituito inizialmente per gli studenti, è diventato luogo di memoria storica, visitabile ed accessibile al pubblico con quattro sale espositive e una biblioteca.

Potrebbe interessarti

blank

Scuola: In otto anni raddoppiati i contratti a tempo determinato

PROCIDA – Interessante dossier elaborato dalla Uil Scuola Rua nel quale si fotografa come, negli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *