aniello scotto e1462375388996
aniello scotto e1462375388996

Procida: Aniello Scotto di Santolo si dimette da Presidente della Commissione Trasparenza

aniello scottoLo scorso 1 febbraio, l’ex candidato a Sindaco e attualmente consigliere di “Insieme per Procida, Aniello Scotto di Santolo, in una nota inviata al Presidente del Consiglio Comunale e al Sindaco, ha rassegnato “in modo irrevocabile” le dimissioni da Presidente della Commissione Trasparenza.

La decisione, scrive Scotto di Santolo: “Dopo aver verificato che: con reiterate richieste rimaste inevase, l’impossibilità di accedere agli atti delle società partecipate, e, principalmente a quelli di “Isola di Procida Navigando”. Inoltre,  insieme al consigliere dott. Salvatore Ruocco, abbiamo registrato la mancanza del numero legale che,  in diverse sedute di commissione, non consentiva il regolare svolgimento dei lavori. Altresì,  che  le Autorità superiori (Prefettura e Corte dei conti) adeguatamente informate  dal gruppo consiliare “Insieme per Procida” , non hanno prodotto alcun effetto positivo utile allo sblocco dell’accesso agli atti. Tra l’altro, conclude Scotto di Santolo, ho constatato  l’assoluta mancanza di sensibilità della maggioranza politico- amministrativa che attualmente governa Procida e delle Autorità Superiori sull’argomento “Trasparenza”.”

Ovviamente abbiamo incontrato Aniello Scotto di Santolo per comprendere meglio il senso di alcune sue affermazioni.

Chi sono gli assenteisti, di cui parla nella lettera di dimissioni, che hanno bloccato i lavori della Commissione?

Il consigliere Salvatore Ruocco sempre presente. Il consigliere Cascone sempre assente; il consigliere Capodanno Gianluca nel periodo estivo (Maggio- Settembre) assente per impegni di lavoro. I componenti tecnici della maggioranza sono stati sempre assenti, mentre il componente tecnico Tommaso Forestieri è stato quasi sempre presente. Nelle ultime 5 convocazioni ci siamo trovati solo io e Salvatore Ruocco e quindi nell’impossibilità di dare validità giuridica alla riunione.

Ritiene che tali assenze abbiano un significato particolare?

Sicuramente una mancanza di disponibilità e/o di volontà, da parte dei consiglieri di maggioranza e di opposizione assenti, a svolgere una funzione di controllo sui lavori dell’Amministrazione Comunale.

Quale risposta si è  dato  circa la mancata consegna delle documentazione di Isola di Procida Navigando?

Non penso che sia casuale. Penso invece che si sia voluto con determinazione arrogante evitare che la Commissione Trasparenza potesse ritrovare delle procedure di gestione non corrette, ciò, a protezione di una gestione politica procidana completamente fallimentare e dannosa per l’intera comunità.

“Insieme per Procida” pensa di proporre un nuovo nome per la presidenza?

Ancora non ci siamo riuniti per trattare l’argomento, ma immagino che ci sarà una azione politica forte.

Quali strumenti, più in generale, ha l’opposizione per controllare l’operato di una maggioranza?

Direi che il controllo degli atti comunali è possibile e consente un controllo relativo alla gestione amministrativa dell’Azienda Comune, ma il problema esiste perché i politici per evitare tali controlli sulla gestione, hanno inventato e costituite  le società partecipate. Oggi anche per tali realtà societarie la legge prevede la possibilità di controllo da parte dei Consiglieri comunali, e prevede anche  che vengano utilizzate procedure del tipo pubblico anche per le assunzioni del personale. Purtroppo, quello che la normativa vigente prevede non è stato rispettato da questa Amministrazione Comunale non consentendo l’ accesso agli atti delle società partecipate, e siccome tale mancata risposta è stata comunicata anche agli organi superiori competenti per territorio e per materia (Prefettura e Corte dei Conti) non ottenendo alcun riscontro positivo, concludo che l’unico strumento potrebbe essere quello di riuscire a sollecitare ed ottenere  una partecipazione attiva e forte della cittadinanza. Ma, questo è l’aspetto dolente delle nostre realtà sociali, perché per fare ciò, si devono avere due elementi essenziali: 1) la capacità dell’opposizione di comunicare, 2) la sensibilità del cittadino al bene pubblico. Verifico, purtroppo, che abbiamo carenze su ambedue gli elementi citati.

 Guglielmo Taliercio

Potrebbe interessarti

Vince Mattarella, perde l’Italia

di Nicola Silenti da Destra.it Tanto tuonò che non piovve nemmeno una goccia d’acqua. Il …

Un commento

  1. Non sono

    addentrato al problema,ma se le cose stanno come dette dal Pres. Scotto,come penso che siano,

    stiamo di fronte a un caso di ” inaudita gravità ” , di una totale irresponsabilità di alcuni componenti della Commissione stessa, di una mancanza assoluta di senso civico e di trasparenza.

    Tutti gli atti del Comune ed anche delle sue partecipazioni in società
    DEVONO ESSERE ASSOLUTAMENTE TRASPARENTI E CONTROLLABILI

    A questo punto,consiglierei al Presidente della Commissione di denunciare il fatto alla PROCURA DELLA REPUBBLICA DI NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.