gianni de rubertis
gianni de rubertis

Procida: C’è da spostare qualche macchina. Pericolo sanitario.

C’è da spostare qualche macchina. Questo l’invito che il coordinatore dei tecnici d’igiene, Giovanni De Rubertis, sollecita alle Autorità isolane, Sindaco in primis. “Si evidenza – scrive Gianni De Rubertis – la problematica sanitaria causata dall’eccessiva presenza di autoveicoli, motocicli ed altri mezzi a motore negli spazi attigui alle attività esterne di ristorazione, che recano grave danno alla salute degli avventori, fruitori dei suddetti spazi. Si fa presente – conclude il coordinatore dei tecnici di igiene – che tale segnalazione è frutto di varie denuncie verbali pervenute a questo ufficio e supportate da verifiche effettuate.”

Potrebbe interessarti

blank

La salute non può attendere. Al via anche in Campania la campagna nazionale di Federconsumatori “STOP LISTE DI ATTESA” e la mappatura dei tempi di attesa

PROCIDA – L’accesso alle prestazioni sanitarie rappresenta una delle problematiche più rilevanti per la sanità …

Un commento

  1. michele_carabellese

    caro Gianni ora e’ sufficiente spostare una macchina per salvaguardare la salute pubblica di qualche avventore , Quando la FEDERCONSUMATORI , coordinamento di Procida a firma di michele carabellese sollevo’ il problema con una lettera indirizzata all’ASL dove tu sei il coordinatore dei tecnici d’igiene la risposta di un tuo collaboratore e’ stata: dobbiamo andare con un furgone e noi non lo abbiamo.Ti sembra giusto vendere prodotti ittici senza avere nessun rispetto delle minime
    precauzioni , vendere pesce in un contenitore di plastica dove l’acqua e’ stagnante e non esiste nemmno un po di ghiaccio
    . la legge parla chiaro ,ma solo x i fessi x gli amici degli amici gli occhi sono chiusi , inoltre il signore ha una licenza ambulante e non ha posto fisso quindi deve girare x procida ,ma prima si deve attrezzare ,con ghiaccio ,copricapo,grembiule , bilancia automatica, fare i scontrini fiscali di quanto si spende
    ma questa non e’ materia tua , la tua e’ quella di prima il controllo e la prevenzione. grazie se vuoi puoi rispondere te ed il tuo collaboratore che disse che avrebbe cestinato la lettera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *