Home > Ambiente > Procida: come comportarsi quando si trovano animali feriti?

Procida: come comportarsi quando si trovano animali feriti?

 PROCIDA – In molti ci hanno chiesto di conoscere come comportarsi quando vengono ritrovati animali morti o feriti. Per saperne di più abbiamo chiesto lumi al prof. Costantino D’Antonio, naturalista, di recente designato nel Comitato di Gestione dell’isola di Vivara in rappresentanza delle associazioni ambientaliste. «Partiamo dal principio (L. 157/92) dove viene stabilito che la fauna selvatica in Italia costituisce “patrimonio indisponibile dello Stato” (art.1), che significa che gli animali selvatici sono un bene di tutti che non può mai essere posseduto da privati.  La stessa legge ha delegato alle Regioni ed alle Province autonome la regolamentazione delle attività di soccorso della fauna selvatica. Prendendo in esame la LR 26/2012 possiamo leggere :

Art. 4 comma 1: La Giunta regionale, sentito l’Istituto superiore per la ricerca ambientale (ISPRA), autorizza l’istituzione di centri di recupero della fauna selvatica ai sensi dell’articolo 4, comma 6, della legge 157/1992 con le finalità di soccorrere, riabilitare e reintrodurre esemplari di fauna selvatica feriti. Tali autorizzazioni possono essere concesse al Corpo Forestale dello Stato, ai dipartimenti scientifici delle università, alle associazioni venatorie, alle associazioni di protezione ambientale riconosciute dal Ministero dell’ambiente che operano in Campania.

Il centro più vicino per il recupero della fauna selvatica (CRAS) si trova a Napoli presso il presidio Ospedaliero Veterinario di Napoli – ASL Na1 centro – via Torrepadula, con servizio H24 di pronto soccorso con ambulanza e personale qualificato. I recapiti telefonici sono: 081/2549980; fax 081/2549596. Allertato il centro il CRAS, gli operatori indicheranno come comportarsi. In particolare, l’animale ferito deve essere raccolto e messo a dimora in uno scatolo di cartone, dopodiché bisognerà provvedere al trasporto a Napoli; allo sbarco sarà accolto da un’ambulanza che lo trasferirà al centro. La legge indica la polizia provinciale (ex), il corpo forestale come  A Procida la LIPU, grazie alla segnalazione dei cittadini, si interessa del recupero anche supportata dalla capitaneria di porto, su base di servizio volontario, per il trasferimento in terraferma.

In base alle normative italiane ed europee sul benessere animale, chiunque è tenuto a soccorrere un animale selvatico e non, con la stessa dignità di un essere umano. anche in questo caso può scattare l’accusa di omissione di soccorso.

In caso di ritrovamento di un animale morto, qui subentra la competenza dell’ASL territoriale (UOS interdisciplinare Ds. 36: Isole di Ischia e Procida (Dirigente Area A veterinari.ischia@aslnapoli2nord.it)) tel. 081 5070229 –  fax  081 5070239».

Potrebbe interessarti

Giovanni Righi e le sue opere sbarcano a Venezia

PROCIDA – Nuovi ed importanti orizzonti si aprano al nostro simpaticissimo Giovanni Righi. Questa volta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *