Home > video procida > Procida: Firmato il passaggio del Carcere e Palazzo D’Avalos – Video

Procida: Firmato il passaggio del Carcere e Palazzo D’Avalos – Video

Firmati l’atto di trasferimento dallo Stato al Comune di Procida del complesso “Ex Carcere Nuovo e Palazzo D’Avalos” (Terra Murata) e l’accordo di valorizzazione con cui si avvia il progetto di recupero e riqualificazione dell’intero complesso che sarà riutilizzato per attività culturali e turistico-ricettive. Con la firma dell’atto di trasferimento si dà attuazione al programma di valorizzazione siglato dall’Agenzia del Demanio, dal Comune e dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania, ai sensi dell’art. 5 comma 5 del decreto legislativo sul federalismo demaniale. Si tratta di una procedura speciale che prevede il passaggio di proprietà di beni di grande pregio storico-artistico dallo Stato agli Enti locali, a fronte di un progetto di recupero, valorizzazione e salvaguardia. Il Comune di Procida si impegna, pertanto, ad attuare il programma di valorizzazione attraverso interventi di restauro e riqualificazione sui beni, che saranno realizzati anche grazie al coinvolgimento di capitali privati e finanziamenti pubblici. La firma dell’11 luglio 2013 è un esempio concreto di come forme di partenariato pubblico-pubblico e pubblico-privato possano avviare processi virtuosi di rifunzionalizzazione e di messa a reddito di beni pubblici, incrementandone così il valore economico e sociale. Grazie infatti all’avvio di questi progetti di recupero, spazi spesso non utilizzati tornano ad essere contenitori di nuove attività e funzioni, pienamente fruibili dai cittadini. La valorizzazione dell’Ex Carcere Nuovo e Palazzo D’Avalos si inserisce in una strategia complessiva di riqualificazione e riconversione turistica di Procida che punta ad affiancare il tradizionale turismo nautico da diporto dell’isola con nuovi flussi di turismo culturale, enogastronomico, rurale e di eco-turismo.

Potrebbe interessarti

Domenica 11 dicembre presentazione del libro “Il carcere di Procida: memoria e sofferenza”

PROCIDA – Metti il caso che un fotografo trentino, Luigi Lauro, di ascendenza ischitana, si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *