Home > procida > Procida: “I Giovani al centro”

Procida: “I Giovani al centro”

PROCIDA – I ragazzi dell’Istituto Superiore “Francesco Caracciolo – IM Giovanni da Procida”, “scendono in campo” e si propongono di organizzare per i giorni 12-13-14 Dicembre 2018 una serie di attività e incontri finalizzati alla sensibilizzazione su varie tematiche che attraversano la società odierna. In particolar modo ci si soffermerà sulle problematiche da cui i giovani sono particolarmente afflitti  come il cyber-bullismo, grave piaga della società moderna, la dipendenza dalle droghe, fenomeno che molto spesso viene sottovalutata dai ragazzi, e la legalità, che deve essere perseguita al fine di combattere le organizzazioni criminali come la camorra. Per conseguire tali propositi i ragazzi hanno richiamato l’attenzione di varie personalità come Luigi Leonardi, Don Lello Ponticelli, Sara Esposito, Paola Scotto di Carlo i quali si faranno portavoce di queste questioni raccontando la propria esperienza.

«I ragazzi – dice Gaia Rontino, rappresentante componente studenti in seno al Consiglio d’Istituto – sono lieti di confrontarsi con il signor Luigi Leonardi che ha avuto il coraggio di denunciare i soprusi della camorra e che in questo momento continua a rivendicare i diritti di chi come lui si è sentito abbandonato dallo Stato. La comunità procidana intende manifestare la propria vicinanza nei confronti del signor Leonardi che sta affrontando la situazione con la sua grande tenacia senza mai mollare, fungendo così da esempio per tutti».

Potrebbe interessarti

Il significato della Crocefissione

Di Michele Romano PROCIDA – Il nostro caro zio sacerdote Libero Lubrano ci fa presente …

Un commento

  1. I giovani

    fanno bene a discutere di questi problemi,però

    IL TUTTO DEVE AVVENIRE DOPO L’ ORARIO SCOLASTICO CIOE’ DOPO LE 14.00

    Finiamo di STRUMENTALIZZARE questi giovani che hanno bisogno ,invece,di studiare e bene x LA PROFESSIONE futura che andranno a svolgere.

    La politica ,la Chiesa, ,che si interessassero di questi problemi, però AL DI FUORI DELL’AMBITO SCOLASTICO
    ,nelle sedi piu opportune

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *