Home > Eventi > Procida: La moda unisce

Procida: La moda unisce

PROCIDA – In mostra a Milano nel corso della Fashione Week 2019 gli abiti realizzati dai beneficiari degli Sprar di Napoli e Procida. La mostra ES – La moda Unisce che si terrà  il 17 giugno a Milano, presso la Pinacoteca di Brera. L’iniziativa è figlia dell’’edizione 2019 del Progetto XXI-Madre per il Sociale della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee della Regione Campania, realizzato in collaborazione con LESS Società Cooperativa Sociale.

«Un progetto – dicono i responsabili della LESS – che ha scelto di narrare le storie personali dei nostri accolti nei progetti SPRAR IARA Comune di Napoli e AIDA Comune di Procida, gestiti da LESS,  attraverso il linguaggio della moda, guidati da esperti artigiani del settore tessile-manifatturiero e tessile-abbigliamento, con competenze tecnico-sartoriali e tecnico-tessili. Grazie a un sistema virtuoso che ha visto il coinvolgimento di diverse aziende italiane (leader nella tutela e nella valorizzazione del made in Italy) e dello stilista Stefano Chiassai (Fendi Uomo) è stato possibile realizzare la collezione ES. La Moda Unisce.

A rendere preziosa la collezione, il contributo dell’artista Mimmo Paladino, che ha donato al progetto un disegno originale, un vortice di colori e di forme che sintetizzano il viaggio che con ES abbiamo voluto fare dentro una creatività che mette al centro l’essere umano e i suoi molteplici sguardi».

Nell’ambito della Milano Fashion Week Uomo 2019 le collezioni realizzate dalle donne e uomini, beneficiari del progetti SPRAR di Napoli e Procida, Ozah Faith, Mamadou Keita, Adama Kouyate, Zainab Lokman, Toure Moumouni, Obagho Rhoda e Syll Cheikh con lo stilista Stefano Chiassai, verranno presentate nella mostra in oggetto presso l’Atrio dei Gesuiti della Pinacoteca di Brera.

Potrebbe interessarti

Procida: Il fallimento del servizio di trasporto marittimo

PROCIDA – Le condizioni meteo avverse delle ultime ore, peraltro ampiamente previste e preannunciate, e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *